Menu
Cerca
Designazione nel 2029

Torino candidata a Capitale Europea della Cultura 2033: il Consiglio comunale dice sì

Il documento, proposto dal capogruppo del Partito Democratico, Stefano Lo Russo, è stato approvato con 38 voti a favore e 1 astenuto.

Torino candidata a Capitale Europea della Cultura 2033: il Consiglio comunale dice sì
Cultura Torino, 20 Aprile 2021 ore 12:00

Il Consiglio Comunale, nel pomeriggio di lunedì 19 aprile 2021, ha approvato una mozione che impegna Sindaca e Giunta “ad avviare le attività necessarie alla definizione della candidatura di “Torino Capitale Europea della Cultura 2033”.

Ok del Consiglio a Torino Capitale Europea della Cultura 2033

Il documento, proposto dal capogruppo del Partito Democratico, Stefano Lo Russo, è stato approvato con 38 voti a favore e 1 astenuto. La mozione evidenzia come fin da quando il titolo di Capitale Europea venne istituito dall’Unione Europea, nel 1985, questo abbia sempre avuto come finalità l’individuazione di una città che potesse mettere in luce la ricchezza e la diversità delle culture in Europa, accrescere il senso di appartenenza dei cittadini europei ad uno spazio culturale comune e promuovere il contributo della cultura per lo sviluppo delle città.

Il documento

A questo, sottolinea ancora il documento, si aggiunge, così come avvenuto in passato per le città designate, la possibilità di avviare processi di riqualificazione, accrescere la visibilità internazionale e rilanciare il turismo, attivando nuovi processi culturali e consolidando quelli esistenti.

La mozione evidenzia come “la Cultura rappresenti il motore di integrazione tra popoli, il fattore comune che abbatte le frontiere e il valore che può e deve rappresentare l’orizzonte che identifica il sentirsi europei oltre che l’esserlo, come il suo sviluppo, la sua promozione e la sua diffusione sia una delle poche risposte efficaci alla paura del futuro, che percorre tutte le società occidentali, e alla crescente complessità dei problemi che il mondo intero deve affrontare”.

La cultura, insieme alla formazione, rimarca ancora la mozione, possono fornire gli strumenti cognitivi per muoversi a proprio agio in un mondo in cambiamento e che necessita anche di risposte complesse.

Il documento richiama poi il ruolo dei giovani “che giocano un ruolo fondamentale non solo nella progressiva costruzione dell’identità europea ma contribuiscono in maniera determinante all’attivazione dei processi di integrazione sovranazionali che fanno della Cultura e della formazione l’elemento trainante”.

La designazione avverrà quattro anni prima, nel 2029. Paesi designati Italia e Paesi Bassi.

Le mozioni

Il documento è stato approvato con emendamenti rafforzativi del consigliere Massimo Giovara (M5S), con particolare riferimento alla necessità “di creare reti e connessioni innovative tra soggetti culturali afferenti allo stesso comparto e tra comparti diversi al fine di aumentare produttività e attrattività culturale del territorio” e del consigliere Damiano Carretto (Gruppo misto – Movimento 4 ottobre) che pone l’attenzione sull’opportunità di individuare, nella potenziale candidatura di Torino, un’occasione per rigenerare “luoghi e iniziative culturali che negli anni hanno reso possibile partendo dal basso, la nascita di veri e propri poli culturali indipendenti di produzione artistica e culturale.”

Con questa mozione, ne è stata approvata una seconda, a firma del consigliere Massimo Giovara, presidente della commissione Cultura, con la quale viene approvato il rapporto, redatto dallo stesso Presidente, nel quale è riassunto oltre un anno di lavoro svolto dalla Commissione, tra il 10 gennaio 2020 e il 19 febbraio 2021, finalizzato alla produzione delle linee guida per avviare il processo di candidatura.

Sono state 16 le riunioni di Commissione dedicate al tema della candidatura, con 44 persone intervenute, in rappresentanza di enti, associazioni e istituzioni culturali della città.

I commenti

Nel corso del dibattito, Massimo Giovara (M5S), illustrando il lavoro della Commissione, ha sottolineato la necessità di lanciare subito la candidatura coinvolgendo l’intero territorio, cittadino e metropolitano, stabilendo tempi, budget ed obiettivi.
Viviana Ferrero (M5S) ha evidenziato come Torino abbia le qualità e l’ambizione per puntare alla candidatura che derivano dalla sua storia.

Da Federico Mensio (M5S) il ringraziamento a tutti coloro che sono intervenuti in Commissione Cultura, durante la fase conoscitiva.

Stefano Lo Russo (Partito Democratico), ha sottolineato come questa candidatura metta al centro il tema dell’Europa, come integrazione di culture, e come potrebbe contribuire, anche attivando processi partecipativi dal basso, a far diventare la città un laboratorio di un nuovo umanesimo che pone l’uomo al centro di un dialogo positivo con la tecnologia e lo sviluppo tecnico-scientifico.

Damiano Carretto (Gruppo misto – Mov. 4 Ottobre), illustrando i propri emendamenti si è soffermato in modo particolare sul tema della riqualificazione della Cavallerizza.

Infine l’assessora alla Cultura, Francesca Leon, ha osservato come esista una grande disponibilità delle componenti culturali di mettersi in gioco, puntando ad un futuro apparentemente lontano, ma che va costruito nel tempo.