FESTIVAL ITINERANTE

CinemAmbiente 2020: film a tema green da vedere all’aperto in Valchiusella

La terza edizione del festival itinerante torna dal 30 luglio al 9 agosto.

CinemAmbiente 2020: film a tema green da vedere all’aperto in Valchiusella
Canavese, 20 Luglio 2020 ore 16:50

Forte del successo delle scorse due edizioni, la rassegna itinerante organizzata dall’Associazione Cinemambiente con il Museo Nazionale del Cinema torna dal 30 luglio al 9 agosto per riproporre un connubio natura e cultura.

La storia di CinemAmbiente

Il Festival CinemAmbiente nasce a Torino nel 1998 per presentare i migliori film e documentari ambientali a livello internazionale e contribuire alla promozione del cinema e della cultura ambientale. Fondato e diretto da Gaetano Capizzi, il Festival è organizzato da Associazione CinemAmbiente in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Negli ultimi due anni ha avuto una sua versione estiva e diffusa.

Slow food per CinemAmbiente

Quest’anno Slow Food ha curato la rassegna nell’ambito del progetto europeo CINE – Cinema communities for Innovation, Networks and Environment, progetto con cui intende sostenere i cinema rilanciando il loro ruolo nelle comunità locali, puntando sulla loro capacità di essere luoghi di aggregazione culturale e sociale, per far nascere i semi di una cultura ambientale e alimentare anche tra i più giovani.

Il cinema che viaggia

Tra le novità di questa edizione c’è l’utilizzo di un furgone elettrico equipaggiato con uno schermo pop-up che percorrerà le strade della Valchiusella per portare il cinema di paese in paese, dove le proiezioni e i diversi appuntamenti della rassegna saranno tutti ospitati in spazi all’aperto per rispettare le norme di prevenzione sanitaria.

Perché proprio la Valchiusella

Pur vivendo tutte le contraddizioni delle zone alpine­, la valle sta cercando di sviluppare le proprie potenzialità preservando l’habitat naturale e sostenendo l’economia locale con i suoi prodotti di qualità. La valle e tutte le sue amministrazioni stanno seguendo un modello che punta alla bellezza naturale e allo sviluppo sostenibile. Il successo delle due precedenti edizioni ha poi dimostrato che un’iniziativa culturale, con una visione non solo locale, è un forte elemento di stimolo e rigenerazione del territorio.

La serata d’apertura

Per ogni comune che partecipa, la rassegna propone, come sempre, film dedicati a temi ambientali al centro del dibattito internazionale, collegabili alle specificità del territorio o a fenomeni della vita di grandi o piccole comunità. Il festival apre nel Comune di Brosso con un intervento di Luca Mercalli, Presidente della Società Meteorologica Italiana e la proieizione di La Glace et le Ciel (giovedì 30 luglio, Brosso, piazza Sclopis, ore 21:30), del regista premio Oscar Luc Jacquet. Al film è abbinato il cortometraggio Two°C di Maxime Contour che mostra una New York del futuro semisommersa dal mare, uno scenario possibile entro sessant’anni. Sul tema sarà anche la performance del collettivo artistico Biloura.

Non solo film

Nonostante l’eccezionalità della situazione sanitaria di quest’anno, il festival prova a essere qualcosa in più dell’estensione estiva della sua versione cittadina (comunque attesa per ottobre) e lo fa offrendo numerosi appuntamenti che arricchiscono il programma delle proiezioni cinematografiche, tra questi: passeggiate naturalistiche, laboratori e attività per ragazzi, incontri letterari, con un significativo coinvolgimento di persone e realtà locali.

Il programma completo e le modalità di ingresso e partecipazione sono disponibili sul sito www.cinemambiente.it

 

 

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità