Si può partecipare fino al 14 luglio

A Torino arriva la 10° edizione del concorso cinematografico nazionale Lavori in Corto

L’iniziativa è protagonista di una campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso

A Torino arriva la 10° edizione del concorso cinematografico nazionale Lavori in Corto
Pubblicato:
Aggiornato:

C’è tempo fino al 14 luglio 2024 per partecipare con il proprio progetto alla 10° edizione di Lavori in Corto, il concorso nazionale di cortometraggi e documentari a tematica sociale rivolto a giovani under35, organizzato dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema di Torino con un focus sul tema dell’accoglienza che, per l’occasione, ha lanciato una campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso, prima piattaforma di crowdfunding e social innovation, per supportare il concorso, i premi e l'ospitalità dei finalisti.

L'obiettivo del bando

I progetti di accoglienza raccontano storie di territori lasciati e ricordati, o scoperti e condivisi, con tutte le difficoltà e le paure che i cambiamenti comportano. Il bando ha l'obiettivo di stimolare giovani registe e registi a confrontarsi con situazioni delicate ma ricche di opportunità, che ne siano testimoni o protagonisti in prima persona, che le vivano da fuori o da dentro. L’edizione del 2024 intende coinvolgere associazioni e operatori del settore, creando un terreno di confronto sulla funzione sociale e culturale del cinema documentario.

Questa edizione è dedicata a Marina Panarese, attivista per i diritti dei migranti e operatrice sociale scomparsa due anni fa, e cresciuta con i valori più sani del Novecento, che l’hanno portata a sviluppare una grande curiosità nei confronti del mondo.

Lavori in Corto si sviluppa grazie al supporto di numerose realtà attive nel sociale e apre la selezione a cortometraggi e documentari brevi di giovani registe e registi, dall’Italia e dall’estero, oppure straniere e stranieri di seconda generazione. Nel corso dell’anno, si svolgeranno alcuni eventi di avvicinamento all’appuntamento finale del concorso, che si terrà dall’11 al 13 ottobre con le premiazioni.

I premi

I premi in denaro previsti sono tre:

  1. il Primo Premio Armando Ceste da 2.000 euro;
  2. il Premio Marina Panarese da 1.500 euro, dedicato a film-maker straniere e stranieri o di seconda generazione;
  3. il Premio Cinema Giovani Vittorio Arrigoni da 1.000 euro, rivolto esclusivamente a persone under35.

Come partecipare

La partecipazione al Concorso è gratuita. Sono ammessi al Concorso cortometraggi di finzione, film d’animazione brevi e documentari, realizzati da persone italiane e straniere residenti sul territorio nazionale, che riflettano sul tema dell’accoglienza. Sono ammessi al concorso corti di finzione, animazione o documentari della durata massima di 30 minuti.

A questo LINK il bando scaricabile.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali