Lo studio

Università Torino: come il Covid cambierà la mobilità verso le sedi universitarie

Una ricerca di UniTO-GO ha analizzato il comportamento di un campione rappresentativo della popolazione accademica.

Università Torino: come il Covid cambierà la mobilità verso le sedi universitarie
Torino, 10 Ottobre 2020 ore 12:14

Ecco come il Covid-19 cambierà la mobilità della comunità di UniTO verso le sedi universitarie. Una ricerca di UniTO-GO che ha analizzato il comportamento di un campione rappresentativo della popolazione accademica

Come il Covid-19 cambierà la mobilità verso le sedi universitarie

I volumi di traffico rimangono più bassi data la limitata attività didattica in corso presso le sedi dell’Ateneo, ma il trasporto pubblico cede quote di mobilità, anche a favore dell’auto privata. Lo confermano i dati di una ricerca di UniTO-GO che ha analizzato il comportamento di un campione rappresentativo della popolazione accademica dell’Università di Torino. 

Lo studio

Sono stati presentati giovedì 8 ottobre 2020 i risultati locali del report “Indagine nazionale sulla mobilità casa-università al tempo del Covid-19”, realizzato dalla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS), che ha analizzato il comportamento di 85.000 persone rappresentative della popolazione accademica. L’indagine, avviata lo scorso luglio, si è basata su un questionario somministrato online agli studenti, ai docenti e al personale tecnico-amministrativo di 51 atenei italiani. Due gli scenari ipotizzati nel questionario: il virus è pressoché debellato e i contagi sono ridotti; il virus è ancora pericoloso, il contagio è rallentato ma prosegue. Purtroppo il più attuale.

Il Gruppo Mobilità di UniTO-GO (Unito GreenOffice), la struttura di coordinamento e progetto sulle politiche di sostenibilità ambientale dell’Università di Torino, ha analizzato le risposte di un campione di 8655 persone rappresentativo della popolazione accademica di UniTo e composto per il 70% da studenti, il 16% da docenti o ricercatori e il 14% da personale-tecnico-amministrativo. 

I risultati

Secondo i dati del rapporto, in uno scenario ad alto rischio sanitario, purtroppo quello più attuale, il 33,7% degli intervistati prevede di cambiare il modo di spostarsi da casa verso una sede universitaria. I cambiamenti più significativi si avranno tra gli utenti del trasporto collettivo. Nello scenario più critico, purtroppo quello più attuale, circa il 21% degli utenti del trasporto pubblico cambierà scelta modale, dividendosi in quote pressoché equivalenti tra chi passerà all’auto propria (11,2%) e chi alla mobilità attiva, bicicletta o a piedi, (9,8%.).

“Se è positivo che metà dei cambiamenti vadano verso la sostenibilità va ricordato che tra gli studenti la disponibilità di proprie auto non è universale”, ha dichiarato il Prof. Andrea Scagni, docente dell’Università di Torino e coordinatore del Gruppo Mobilità di UniTO-GO. “Solo il 50% del campione dichiara di disporre di un’auto per spostarsi quando vuole verso l’università; e se si guarda solo a chi l’auto ce l’ha, il tasso di  cambiamento verso la mobilità attiva è più limitato. Naturalmente conta anche la distanza casa-università: tra i “fuggitivi” dal Trasporto Pubblico Locale che vivono entro 5-6 km viene scelta maggiormente la mobilità attiva. Esiste tuttavia anche una quota di neo-automobilisti sulle ridotte distanze, sui quali si devono concentrare gli sforzi di incentivazione e sensibilizzazione: si tratta infatti di persone per cui una scelta di mobilità attiva è maggiormente possibile, se non addirittura personalmente vantaggiosa”.

I Fridays for future sono tornati e sono più arrabbiati di prima

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità