gli ospedali si preparano a riconvertire stanze e reparti

Una seconda ondata potrebbe essere alle porte: la sanità deve precederla

La situazione sta peggiorando di giorno in giorno e i casi di positività aumentano (due decessi e cento nuovi casi solo ieri).

Una seconda ondata potrebbe essere alle porte: la sanità deve precederla
Torino, 30 Settembre 2020 ore 16:37

Domani i direttori generali delle aziende sanitarie piemontesi dovranno comunicare al Dirmei, il nuovo Dipartimento interaziendale malattie infettive, il loro piano per riaprire reparti Covid.

La situazione sta peggiorando

Il periodo critico per capire si muove la curva epidemica del Piemonte è questo: è ormai autunno e le scuole hanno già riaperto da 3 settimane. Come ci si poteva aspettare la situazione sta peggiorando di giorno in giorno, i casi di positività aumentano (due decessi e cento nuovi casi ieri), ed è ormai chiaro che bisogna aspettarsi una seconda ondata.

Come ci si sta preparando

I grandi ospedali, che erano pronti a riavviare la loro attività ordinaria, dovranno invece indicare alla Regione come riconvertire spazi e reparti in stanze adeguate alle terapia anti-coronavirus. E pensare che una settimana fa il direttore delle medicine della Città della Salute Ezio Ghigo si augurava che ospedali come Molinette restassero Covid-free per evitare ulteriori rallentamenti di settori nevralgici, una speranza che si è affievolita del tutto in queste ore.

 

Prendere il bus nelle ore di punta a Torino sta diventando un vero incubo, ma forse una soluzione c’è

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità