1,2 km di percorso

Una nuova ciclabile da Corso Vittorio a Piazza Nizza

La pista ha come obiettivo la riduzione del traffico motorizzato negli spostamenti quotidiani nel quartiere San Salvario.

Una nuova ciclabile da Corso Vittorio a Piazza Nizza
Torino, 09 Ottobre 2020 ore 18:57

Una nuova pista ciclabile è a disposizione di chi si sposta in bicicletta e in monopattino dai controviali ciclabili di corso Vittorio Emanuele II a piazza Nizza.

2 milioni di euro

I lavori sono costati oltre 2 milioni di euro e sono stati finanziati con il Piano Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 e hanno riguardato un’area di 50mila mq, dove si è provveduto alla riqualificazione di circa 8mila mq di marciapiedi, resi finalmente accessibili a tutti grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche presenti in precedenza lungo la tratta in corrispondenza delle intersezioni viarie, e ne sono stati realizzati di nuovi per altri 5 mila mq.

Torino Mobility Lab

La pista ciclabile di via Nizza, insieme all’allestimento di una velostazione all’interno di Porta Nuova e al posizionamento di nuovi parcheggi per le biciclette vicino o all’interno di scuole, università, ospedali e uffici comunali, è tra i punti del progetto Torino Mobility Lab, che ha come obiettivo la riduzione del traffico motorizzato negli spostamenti quotidiani nel quartiere San Salvario, favorendo la mobilità alternativa nell’area compresa tra via Nizza e i corsi Vittorio Emanuele II, Massimo d’Azeglio e Bramante.

Il nesso tra mobilità e riqualificazione urbana

La nuova infrastruttura verrà monitorata all’interno del progetto europeo CIVITAS Handshake che prevede tra le azioni l’analisi dei flussi di mobilità e indagini sul territorio riguardo la percezione della riqualificazione dello spazio urbano e la valutazione dei benefici socio-economici stimati portati dall’aumento di mobilità ciclistica lungo l’asse.

 

LEGGI ANCHE

I Fridays for future sono tornati e sono più arrabbiati di prima

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità