Menu
Cerca
Borgo Vittoria

Ubriaco fradicio molesta la barista e provoca i passanti: arrestato

L'uomo, un rumeno di 33 anni, ha più volte provocato i poliziotti: "Se volete arrestarmi dovete chiamare i rinforzi".

Ubriaco fradicio molesta la barista e provoca i passanti: arrestato
Cronaca Torino, 04 Maggio 2021 ore 12:25

Ubriaco fradicio molesta una barista e provoca i passanti: arrestato dalla Polizia. Sono le 16  in zona Borgo Vittoria quando un cittadino rumeno di 33 anni entra in un bar. L’uomo, dopo aver preso una birra, si allontana dal locale. Dopo pochi istanti però rientra, in forte stato di ubriachezza, pretendendo di ricevere altri alcolici.

La barista dice no

Al diniego della barista, inizia a dare in escandescenze, insultandola e battendo i pugni sul tavolo. Intuito che il suo atteggiamento intimidatorio non avrebbe comunque sortito alcun effetto, il rumeno scavalca il bancone con l’intenzione di avventarsi sulla dipendente che, spaventata, scappa sul retro in cerca del telefono per chiedere aiuto. Indisturbato, l’aggressore intanto si serve da bere come se niente fosse. Una volta terminate le “consumazioni”, va a sedersi sul marciapiede, provocando e aggredendo i passanti. Uno di questi allerta il 112 (Numero Unico di Emergenza).

La pattuglia della Volante giunta sul posto, trova il trentatreenne intento ad ascoltare musica ad alto volume da una cassa portatile. Invitato dagli operatori a spegnere l’apparecchio, questi si mostra fin da subito poco collaborativo, riferendo che se avessero voluto arrestarlo avrebbero avuto bisogno di almeno 8 volanti. Dopo ulteriori tentativi di tranquillizzarlo, l’uomo spegne la musica ed esibisce i documenti, pur continuando a provocare i poliziotti nel tentativo di ingaggiare una colluttazione. Insomma, voleva proprio fare a botte! Una serie di insulti e minacce di morte contro gli agenti termineranno con l’arresto del romeno per estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

Inoltre è stato denunciato per ubriachezza molesta e per violazione delle regole anti Covid.