Otto indagati

Test sierologici Diasorin-San Matteo: si indaga anche per epidemia colposa

Nuovi scenari nell'indagine in merito all'accordo per l'effettuazione dei test sierologici per la diagnosi del Covid-19.

Test sierologici Diasorin-San Matteo: si indaga anche per epidemia colposa
Torino, 29 Luglio 2020 ore 15:44

Inchiesta test sierologici Diasorin-San Matteo: tra le ipotesi di reato, oltre alla turbata libertà del procedimento e al peculato, figura anche quello di epidemia colposa.

Test sierologici Diasorin-San Matteo: si indaga per epidemia colposa

Nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Pavia sull’accordo tra la società piemonte Diasorin e il Policlinico San Matteo di Pavia in merito all’esecuzione dei test sierologici anti-Covid è spuntata tra le ipotesi di reato, oltre alla turbata libertà del procedimento e al peculato, anche quella di epidemia colposa.

L’inchiesta

L’indagine sta cercando di chiarire se l’avvio dei test avvenuto solo a fine aprile possa aver contribuito al mancato contenimento della diffusione del Coronavirus. All’esame dei magistrati, in particolare il periodo tra il 23 marzo, data in cui venne stipulato l’accordo tra la società di Saluggia e l’ospedale pavese, e il 17 aprile, giorno in cui arrivò l’autorizzazione al marchio CE, indispensabile per effettuare i test sierologici.

Otto indagati

Otto le persone che figurano indagate nell’inchiesta: tra queste il Presidente, il Direttore Generale ed il Direttore Scientifico della Fondazione IRCCS San Matteo di Pavia, il Responsabile del Laboratorio di Virologia Molecolare del medesimo istituto, e l’Amministratore Delegato della società biotecnologica piemontese Diasorin S.p.a. La guardia di finanza ha effettuato perquisizioni e sequestri di documenti negli uffici del Policlinico di Pavia e dell’azienda piemontese.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità