via magenta

“Svuotacantine” si fa passare per collezionista, ma è un ladro

Nel controllare il mobilio aveva scoperto il portagioie con all’interno monili in oro, monete di valore e alcune medaglie sportive, che avrebbe voluto rivendere.

“Svuotacantine” si fa passare per collezionista, ma è un ladro
Cronaca Torino, 13 Gennaio 2021 ore 15:46

Sono circa le 11.30 di lunedì scorso uno uomo sta passeggiando su via Magenta, quando improvvisamente scorge la pattuglia del commissariato San Secondo. Intimorito, cambia strada, cercando di defilarsi sotto i portici. Gli agenti, insospettiti dal comportamento dell’uomo, lo fermano. Si tratta di un cittadino peruviano di 41 anni.

 

I precedenti

Da un primo controllo risultano diversi precedenti a carico dello straniero. Sottoposto a perquisizione, i poliziotti trovano nella sua tracolla due cofanetti con diversi monili in oro, molti dei quali da donna. Sul retro di un ciondolo era incisa una frase con una data di nascita, verosimilmente un regalo di battesimo.

Collezionista poco credibile

Il quarantunenne riferisce che i preziosi sono di sua proprietà e che li sta portando a far valutare poiché intenzionato a venderli. La versione dell’uomo non convince i poliziotti che tornano ad interrogarlo sulla reale provenienza dell’oro in questione. Lo straniero conferma quanto appena dichiarato, aggiungendo di averli collezionati nel tempo attraverso acquisti effettuati al mercato del “balon”. A questo punto gli agenti procedono con la perquisizione domiciliare dove rinvengono, all’interno di un armadio, una scatola metallica contenente oltre 20 cofanetti per gioielli vuoti ed una foto ricordo raffigurante una ragazza in occasione della sua Prima Comunione.

 

Da svuotacantine a ladro

Vistosi scoperto, il peruviano racconta ai poliziotti di aver effettuato alcuni giorni prima lo sgombero di una cantina, di cui una parte degli arredi era stata regolarmente smaltita mentre l’altra l’aveva sistemata nel proprio garage. Nel controllare il mobilio aveva poi scoperto il portagioie con all’interno monili in oro, monete di valore ed alcune medaglie sportive, che avrebbe voluto rivendere in mattinata.

La consegna dei preziosi alla proprietaria

Gli agenti del commissariato risalgono alla legittima proprietaria che, ignara di quanto contenuto nell’arredo presente in cantina, riconosce tra i preziosi il ciondolo con incisa la sua data di nascita. Il quarantunenne è stato denunciato per furto aggravato.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità