Menu
Cerca
Cambio a sorpresa

Strage Funivia Mottarone: “silurata” la Gip che scarcerò due dei tre indagati

Colpo di scena nella vicenda dal punto di vista legale.

Strage Funivia Mottarone: “silurata” la Gip che scarcerò due dei tre indagati
Cronaca Torino, 08 Giugno 2021 ore 11:17

Strage Funivia Mottarone, a sorpresa cambia il Gip titolare del fascicolo che, come riporta Prima Novara, scarcerò due dei tre indagati.

Strage Mottarone

Cambia il Gip titolare del fascicolo sul disastro della Funivia del Mottarone. Il procedimento avrebbe dovuto essere in carico al gip Elena Ceriotti che però era esonerata in quanto il suo ufficio doveva smaltire diverse pratiche arretrate. L’incarico era così stato assunto dalla presidente dell’ufficio Gip Donatella Banci Buonamici.

La scarcerazione

Ed era stata lei, non senza una scia di polemiche, a decidere per la scarcerazione di Luigi Nerini (già indagato per altri due incidenti su Alpyland), proprietario della funivia, ed Enrico Perocchio, direttore dell’impianto. Il terzo indagato invece, Gabriele Tadini, era finito ai domiciliari.

Ora il presidente del tribunale di Verbania Luigi Maria Montefusco ha deciso di riassegnare il procedimento al Gip Elena Ceriotti.

LEGGI ANCHE: Funivia del Mottarone ecco i video che testimoniano l’uso dei forchettoni già prima del disastro

La tragedia

Quattordici le vittime dopo la caduta di una cabina della funivia domenica 23 maggio: unico sopravvissuto il piccolo Eitan, 5 anni, che nell'incidente ha perso papà Amit Biran, 30 anni, mamma Tal Peleg, 27 anni, il fratellino Tom, 2 anni, e i bisnonni Itshak Cohen, 82 anni, e Barbara Koniski Cohen, 71 anni. Il bimbo si trova ancora ricoverato al Regina Margherita di Torino, ma non più in pericolo di vita.

LEGGI ANCHE: Funivia Mottarone: sciolta la prognosi, il piccolo Eitan lascerà la rianimazione