Menu
Cerca
Cocaina e hashish

Spacciatore arrestato dai Carabinieri a San Mauro

Aveva un etto di "fumo" e 12 grammi di cocaina; valore della merce al dettaglio circa 1.200 euro.

Spacciatore arrestato dai Carabinieri a San Mauro
Cronaca Torino, 21 Maggio 2021 ore 09:35

Ancora un sequestro di droga e uno spacciatore arrestato dai Carabinieri. Nell’àmbito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale dell'Arma per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri hanno arrestato un pusher.

Sfrecciava a San Mauro

A Torino, nel quartiere Bertolla, i militari dell’Arma hanno bloccato una vettura condotta da un 26enne che poco prima era transitata a forte velocità nel centro abitato di San Mauro Torinese. L’uomo ed il mezzo sono stati dunque sottoposti a perquisizione rinvenendo un panetto di hashish del peso di 100 grammi, nonché 12 grammi di cocaina. Valore della droga, se venduta al dettaglio nelle piazze, intorno ai 1.200 euro. Lo spacciatore è stato sottoposto agli arresti domiciliari, la sostanza sequestrata in attesa di essere bruciata nell'inceneritore della Questura.

Il commercio sotterraneo

Non passa giorno senza che i militari dell'Arma o gli agenti della Polizia di Stato non debbano occuparsi del commercio illegale e sotterraneo di droga. Magari droga leggera, come la marijuana o l'hashish che sono le sostanze meno dannose ma comunque illegali; oppure pesante e pericolosissima come cocaina ed eroina (quest'ultima anche mortale). Ma la compravendita di sostanze stupefacenti rappresenta davvero una costante che non conosce interruzioni. Persino durante la pandemia e il lockdown i pusher si sono organizzati con consegne a domicilio e servizio delivery. Per non parlare dei metodi usati al fine di non farsi beccare: micro-capsule di droga (soprattutto crack e coca) sigillate e tenute in bocca, pronte da sputare nelle mani degli acquirenti. In questo modo, non appena arriva la Polizia, i venditori possono inghiottire tutto senza farsi trovare con la sostanza in tasca.

Fra ribrezzo e contagio

Ma si può accettare una pallina grondante saliva che esce dalla bocca di uno sconosciuto? Un senso di ribrezzo acuito anche dal pericolo contagio da Covid. Eppure... Eppure chi compra non si fa il minimo problema di igiene né di sicurezza: cosa sto assumendo? Di che sostanza è composta questa polvere, con cosa è stata "tagliata" la droga iniziale? Sono domande che i tossici neanche si pongono, rischiando così la propria salute. Anche perché i trafficanti non si fanno il minimo scrupolo ad usare talco, mannite e persino topicidi per "allungare" la sostanza inizialmente "pura". Ma tant'è: anche stavolta lo spacciatore è stato arrestato dai Carabinieri e la droga sequestrata.