Nichelino

Si aggira in piena notte con una mazza da baseball, arrestata una 46enne

La donna aveva avuto un diverbio con un tizio nel pomeriggio e stava andando a cercarlo per fargliela pagare...

Si aggira in piena notte con una mazza da baseball, arrestata una 46enne
Cronaca Torino, 19 Agosto 2021 ore 13:20

Si aggirava con una mazza da baseball in piena notte alla ricerca del suo rivale ed è stata arrestata: voleva fargliela pagare dopo il diverbio avuto nel pomeriggio.

Ignoto il movente del litigio

Non si sa il motivo per cui abbiano litigato quest'uomo e questa donna nel caldo pomeriggio agostano, ma a lei dev'essere rimasto qualche sassolino nella scarpa se, a distanza di parecchie ore, ancora bramava la vendetta. Per fortuna sono intervenuti i Carabinieri che hanno evitato la resa dei conti.

Nell’àmbito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale nella settimana di Ferragosto, i Carabinieri hanno quindi arrestato due persone: furto aggravato ed evasione i reati contestati.

A Nichelino l'arresto più curioso: è finita in manette una 46enne italiana sottoposta ai domiciliari che, in piena notte, è stata sorpresa dai carabinieri della locale Tenenza mentre si trovava in strada diretta verso alcune abitazioni con una mazza da baseball in mano. Verosimilmente era alla ricerca di un soggetto con cui aveva avuto un diverbio nel corso del pomeriggio, voleva fargliela pagare.

Aggredisce anche i Carabinieri

Una volta in caserma la donna ha anche tentato di aggredire i militari ma è stata in breve ricondotta alla calma e nuovamente sottoposta agli arresti domiciliari.

Questa donna si aggirava quindi con una mazza da baseball in piena notte alla ricerca del rivale ma è stata arrestata.

A Mappano invece, nell’hinterland torinese, i militari della Stazione di Leinì (To) hanno bloccato un immigrato marocchino di 28 anni all’uscita di un supermercato subito dopo che aveva rubato alcuni generi alimentari manomettendone i dispositivi antitaccheggio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Smog e Pm10, il Piemonte ostaggio del Sahara