NEL TORINESE

Roletto, padre uccide il figlio dopo una lite

L’uomo ha colpito violentemente il figlio alla nuca con un bastone in metallo

Roletto, padre uccide il figlio dopo una lite
Pubblicato:
Aggiornato:

Nel pomeriggio di ieri, 5 luglio 2024, nel giardino di una casa in via Petrarca a Roletto in Frazione Roncaglia, si è consumato un omicidio.

Padre uccide il figlio dopo una lite

Padre di 80 anni, ex imprenditore, Pierangelo Romagnollo, ha ucciso il figlio adottivo 40 enne, di nome Ailton e di origine brasiliana, dopo una lite per futili motivi. L’uomo ha colpito violentemente il figlio alla nuca con una spranga in metallo che è stata già sequestrata.

L'80enne, dopo l'accaduto ha chiesto ad alcuni vicini di casa di chiamare i carabinieri e ha raccontato che era il figlio ad avere inizialmente la spranga in mano e che lui lo avrebbe disarmato e colpito per reazione. 

Secondo quanto emerso e riportato dal Corriere della Sera, l'ex imprenditore ha fatto sapere:

"Non preparava le crocchette per il cane, da qualche giorno non andava al lavoro e in casa non faceva niente".

Una frase che fa capire quanto era alto il livello di tensione tra padre e figlio negli ultimi tempi.

I vicini, intervistati sempre dal giornale di via Solferino hanno invece dato una versione differente sul 40enne:

 "Ailton era un ragazzo d’oro, sempre pronto a dare una mano. Il padre, invece, ha un carattere decisamente più spigoloso. Un burbero, ma da qui ad ammazzare il figlio ce ne corre. Quando parlava di Ailton si illuminava, diceva che dopo la morte della moglie lui era la sua unica gioia. Di certo da quando è rimasto vedovo quell’uomo è cambiato, è caduto in depressione, non era più lo stesso".

Indagini in corso

Il medico legale ha riscontrato due colpi in testa, il secondo mortale, proprio sotto la nuca. L’ex imprenditore é stato arrestato dai Carabinieri di Pinerolo per omicidio giunti sul posto alle 16:35. Le indagini sono coordinate dal pm Paolo Del Grosso della procura di Torino che dovrà capire come mai i due litigavano spesso e per quale motivi.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali