Cronaca
Barriera di Milano

Rapina all'ufficio postale: l'impiegato resta impassibile, arrestati i due delinquenti

Il dipendente ha sfoderato una imperturbabile "faccia da poker" che ha spiazzato i rapinatori. Poi l'allarme, l'inseguimento e le manette.

Rapina all'ufficio postale: l'impiegato resta impassibile, arrestati i due delinquenti
Cronaca Torino, 27 Settembre 2021 ore 12:30

Rapina all'ufficio postale: arrestati due delinquenti italiani di 29 e 25 anni. E’ sabato mattina quando due balordi con il volto travisato entrano in un ufficio postale di via Parella e, dopo aver sferrato una serie di violenti colpi contro la vetrata dello sportello, intimano all'impiegato di consegnare loro il denaro presente in cassa. Ma non avevano fatto i conti con la reazione del dipendente: assolutamente impassibile, non ha dato segni di paura né si è agitato per l'assalto subìto.

Impassibile "faccia da poker"

Ha sfoderato una imperturbabile "faccia da poker" che li ha letteralmente spiazzati. Guardandoli dall'altra parte del vetro, non ha collaborato, scatenando la rabbia dei due rapinatori.

L’impassibilità dell’uomo li ha innervositi ed hanno iniziato a dare spallate e tirare calci al divisorio utilizzato per la consegna pacchi, nella speranza di riuscire a crearsi un varco ed accedere alla cassa. A questo punto il dipendente ed alcuni suoi collaboratori si sono spostati nell’ufficio del direttore, allertando nel frattempo il 112 Numero Unico di Emergenza. I malfattori desistono quindi dal loro intento ed abbandonano l’ufficio postale gridando alcuni insulti. L’impiegato, quindi, abbassa la saracinesca della filiale ed attende l’arrivo delle pattuglie di Polizia.

Gli agenti giunti sul posto, dopo aver accertato lo stato di buona salute delle vittime, partono alla ricerca dei due soggetti, cittadini italiani di 29 e 25 anni, insieme ad una pattuglia del Reparto Prevenzione Crimine.

Beccati in via Cervino

Nei pressi di via Cervino, i colpevoli scorgono l’arrivo dei poliziotti. Decidono allora di liberarsi di alcuni indumenti ed accessori indossati durante la rapina e, dividendosi, si danno alla fuga. Entrambi vengono però individuati e bloccati dopo pochi istanti, recuperando anche gli effetti personali da loro abbandonati poco prima. Durante la perquisizione, il ventinovenne è stato trovato in possesso di un taglierino a scatto e di uno scalda collo, verosimilmente utilizzato per nascondersi il viso all’interno dell’ufficio postale. Per entrambi, che hanno anche piccoli precedenti penali, sono scattate le manette per tentata rapina.

Sono stati arrestati quindi i due delinquenti per la rapina all'ufficio postale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Anziana muore investita dall'amica