momenti di tensione

Presidio al Carrefour di via Tripoli: minacce di morte al sindacalista e lavoratori puniti con la cassa integrazione

I lavoratori che hanno partecipato al presidio sono già stati tutti sostituiti.

Presidio al Carrefour di via Tripoli: minacce di morte al sindacalista e lavoratori puniti con la cassa integrazione
Cronaca 09 Aprile 2021 ore 16:59

Ieri mattina, 8 aprile 2020, ci sono stati alcuni momenti di tensione di fronte al Carrefour Market di via Tripoli, in zona Santa Rita.

 

L'aggressione al sindacalista e le minacce ai lavoratori

Durante il presidio, organizzato per tutelare la situazione dei lavoratori, la situazione è improvvisamente degenerata quando il sindacalista Filcams Cgil Fabrizio Nicoletti ha subito un'aggressione verbale da parte di un collaboratore del gestore del negozio che lo avrebbe minacciato di morte con frasi del tenore di "ti stacco la testa", "ti strappo la faccia".

Subito dopo il titolare ha minacciato i lavoratori di metterli in cassa integrazione fino a ottobre e di non pagare lo stipendio il 15 aprile, asserendo che "è colpa dei sindacati e della loro gente se le imprese chiudono".

Lo sciopero del 12 aprile

Il giorno dopo il presidio l'imprenditore ha effettivamente vietato l'ingresso ai lavoratori che hanno partecipato all'assemblea tenutasi ieri. Lavoratori che saranno in cassa integrazione sostituiti con altri lavoratori a giornata. Alla luce di questi fatti, i sindacati  Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UILTucs UIL organizzano uno sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori del gruppo Carrefour di Torino per lunedì 12 aprile 2021 in segno di solidarietà ai lavoratori del Carrefour Market di via Tripoli e del sindacalista minacciato di morte durante il presidio di ieri.

I sindacati hanno richiesto, inoltre, un intervento dell'azienda nei confronti dell'imprenditore responsabile.