Denunciato

Niente Green Pass? Preside lascia fuori dalla scuola due prof

Il dirigente scolastico dell'istituto "Curie-Levi" non ha ritenuto valido un certificato medico che attestava l'esenzione dei docenti dal lasciapassare.

Niente Green Pass? Preside lascia fuori dalla scuola due prof
Cronaca Torino, 01 Settembre 2021 ore 16:03

Due professori dell'istituto scolastico "Curie-Levi" di Torino hanno presentato una denuncia ai carabinieri dopo che, poiché sprovvisti di Green Pass, è stato vietato loro l'ingresso a scuola nonostante avessero presentato un certificato medico che garantiva loro l'esenzione dalla Certificazione verde.

Torino, vietato l'ingresso a scuola a due docenti senza Green Pass

Nel primo giorno di ripresa dell'attività didattica, all'istituto scolastico "Curie-Levi" di Torino, nella sede di via La Salette, ai docenti Giuseppe Pantaleo e Alisa Matizen è stato impedito l'ingresso a scuola da parte del dirigente scolastico perché quest'ultimi erano sprovvisti di Green Pass.

I due professori privi del lasciapassare, arrivati a scuola alle 8 per essere presenti al collegio docenti delle 9,30, si erano cautelati presentando un certificato medico che avrebbe dovuto permettere loro di essere considerati "esenti" dalla Certificazione verde. Il documento, tuttavia, non è stato considerato valido dal preside che ha imposto loro di non entrare nell'istituto scolastico.

La denuncia ai carabinieri

A seguito di quanto accaduto, il docente Giuseppe Pantaleo ha sporto denuncia ai carabinieri di Pozzo Strada per abuso d'ufficio ai danni del dirigente scolastico.

"Non sono un No Vax né un negazionista - precisa Pantaleo - ma, essendomi informato, ho dubbi, obiezioni su questo vaccino. E non mi sono vaccinato per mie patologie pregresse. Oggi ha presentato un certificato di un medico di Medicina Generale con l'esenzione per ragioni sanitarie. Documento che non è stato ritenuto valido dal dirigente scolastico".

La professoressa Alisia Matizen, nota per la sua costante attività nel movimento Pas (Priorità a scuola), dopo lo sfogo di fronte al suo istituto scolastico, ha deciso di non rilasciare più dichiarazioni e di non presentare alcuna denuncia.