a torino

Nursing Up: lunedì 7 dicembre flash mob di protesta in piazza Castello

"Da mesi chiediamo rispetto, assunzioni, adeguamento e valorizzazione economica che non ci viene riconosciuta. Ora basta!".

Nursing Up: lunedì 7 dicembre flash mob di protesta in piazza Castello
Cronaca 05 Dicembre 2020 ore 14:02

Lunedì 7 dicembre il Nursing Up, sindacato degli Infermieri e delle professioni sanitarie, tornerà a manifestare in piazza Castello a Torino, a partire dalle ore 10.30, davanti agli uffici della Prefettura, con un Flash Mob per chiedere RISPETTO E CONSIDERAIZONE DA PARTE DEL GOVERNO E L’USCITA DL COMPARTO SANITA’.

Falsh Mob di Nursing Up

“Dopo la grande manifestazione del 15 ottobre scorso, con migliaia di infermieri e professionisti della sanità che hanno manifestato a Roma, e lo sciopero del 2 di novembre durato 24 ore, scendiamo ancora una volta in piazza.  – Afferma Il Segretario Regionale Nursing Up Piemonte Claudio Delli Carri – Ad oggi, rispetto alle nostre sacrosante richieste, solo da parte del Ministro della Salute è arrivato un timido segnale di valorizzazione della nostra professione attraverso il riconoscimento di una minima indennità professionale che, tuttavia, non essendo sostenuta da adeguati finanziamenti ci lascia profondamente amareggiati e delusi. Noi non molliamo e proseguiamo con lo stato di agitazione, perché dobbiamo fare di tutto per rendere giustizia e al valore di migliaia di infermieri e professionisti della sanità che rappresentiamo”.

Le richieste di  Nursing Up Piemonte

Il Segretario Regionale Nursing Up Piemonte Claudio Delli Carri sottolinea quali sono le loro richieste: “Un’area contrattuale autonoma e la valorizzazione economica della specificità di ogni professionista sanitario; assunzioni stabili per l’adeguamento delle dotazioni organiche; risorse per l’aggiornamento professionale riconoscimento della malattia professionale in caso d’infezione; aggiornamento della normativa sulla direzione delle aziende di servizi alla persona e superamento del vincolo di esclusività; l’istituzione dell’infermiere di famiglia o di comunità per le cure territoriali con un piano assunzioni adeguato e messo in atto in tempi brevissimi e il riconoscimento di indennità specifiche per gli infermieri e tutte le professioni sanitarie.

La consegna della lettera al Prefetto

Il Flash mob avverrà dalle 0.30 alle 13 in piazza Castello e nell’arco della mattinata il Segretario regionale del Nursing Up Piemonte, Claudio Delli Carri, salirà dal  Prefetto di Torino per consegnare una lettera con le nostre richieste indirizzate al Governo. Spiega Delli Carri: “Siamo costretti a continuare nello stato di agitazione e nella nostra lotta al fianco di tutti i colleghi che rappresentiamo perché ancora una volta alle parole non seguono i fatti. Possibile che le situazioni drammatiche a cui abbiamo assistito non abbiano insegnato nulla alla politica? In Piemonte il piano assunzioni si muove con una lentezza esasperante. Dobbiamo mettere a punto la questione delle prestazioni aggiuntive da retribuire a 50 euro l’ora, visto che per coprire i turni molte aziende vi fanno ricorso. A oggi, dalla Regione, ci hanno risposto che se ne parlerà solo dal 15 dicembre in poi. Ma sappiamo già che per portare la retribuzione dai poco più di 20 euro l’ora di oggi ai 50 che chiediamo, non sono ancora state stanziate le cifre da Roma. Un passaggio che probabilmente necessiterà di tempi lunghissimi. E allora perché la differenza non la mette, subito, con un atto di coraggio la Regione? Forse gli infermieri e i professionisti della sanità non hanno dimostrato coraggio in questi giorni di nuovo
picco di contagi Covid, rimanendo al loro posto, in prima linea, ammalandosi e contagiandosi a centinaia ma
proseguendo sempre a fare il proprio dovere anche se con turni massacranti, sacrificando la propria vita e
spesso anche la propria famiglia? Forse queste persone valorose non meritano rispetto e un atto di coraggio
anche dalla Regione?”.

Aperto il capitolo assunzioni

Prosegue Delli Carri: “Riamane poi ancora aperto il capitolo assunzioni che ancora oggi stentano ad arrivare. Se il Piemonte vuole dare un serio impulso alla medicina di territorio è imprescindibile che venga istituita la figura dell’infermiere di famiglia o di comunità, supportando questa strategia con un piano di assunzioni adeguato con contratti ad ampio respiro almeno triennali, che possa portare stabilità a tutto il sistema sanitario. Al Prefetto chiederemo di accogliere le nostre richieste e di sostenere le nostre istanze attraverso una compiuta ed incisiva attività di sensibilizzazione nei confronti del Governo Italiano, intervenendo, in particolare, sensibilizzando il Presidente del Consiglio dei Ministri ed il Ministro della Salute, affinché gli stessi adottino finalmente i provvedimenti risolutivi di propria competenza, che sono necessari ed opportuni per dare risposte favorevoli ai nostri desiderata.
La nostra professione e abnegazione merita RISPETTO: solo noi da sempre al fianco dei pazienti, sappiamo
cosa significhi avere il coraggio di iniziare ogni giorno una lotta contro questo maledetto virus nella speranza
di non essere contagiati e di non diventare un pericolo per le nostre famiglie.
Ora chiediamo solo che ci venga dato ciò che correttamente ci spetta. Che venga rotto il muro
dell’indifferenza verso di noi e verso le nostre richieste. È giunto il momento che una volta per tutte il
RISPETTO che da mesi chiediamo ci venga riconosciuto”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità