corso giulio cesare

Non ottiene il whysky che pretendeva gratis, così spacca mobilio e bottiglie del negozio

L’uomo, sprovvisto di qualsiasi documento di identità è stato arrestato per tentata rapina, rifiuto di fornire le proprie generalità, resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Non ottiene il whysky che pretendeva gratis, così spacca mobilio e bottiglie del negozio
Cronaca Torino, 18 Giugno 2021 ore 16:14

Si è introdotto, domenica scorsa, in un minimarket di corso Giulio Cesare gestito da un cittadino bengalese, asserendo di aver perso all’interno del locale 60 €, ha preteso dalla proprietaria 5 bottiglie di whisky.

 

Prima le minacce poi i danni al retrobottega

Alla richiesta dell’uomo, l’esercente ha rifiutato nettamente e così è scattata la minaccia nei suoi confronti, col tentativo non riuscito di aprire la cassa. La donna, impauritasi, ha immediatamente chiesto aiuto al marito. Quest’ultimo ha composto il numero unico di emergenza per chiedere soccorso, mentre l’ospite indesiderato danneggiava parte del mobilio presente nel retrobottega.

Completamente fuori controllo

All’arrivo della pattuglia del Commissariato Dora Vanchiglia, l’uomo ha dato ulteriormente in escandescenze, lanciando delle bottiglie di alcolici. La sua resistenza è continuata anche al di fuori del minimarket, quando non volendo salire sulla volante ha provocato alcune escoriazioni ai poliziotti.  Lo stesso comportamento si è ripetuto nelle fasi della sua traduzione negli uffici della Questura. L’uomo, sprovvisto di qualsiasi documento di identità è stato arrestato per tentata rapina, rifiuto di fornire le proprie generalità, resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.