Cronaca
Torino

Morti di Covid nelle Rsa: la Procura di Torino archivia le accuse di epidemia e omicidio colposo

“Quando è scoppiato il Covid, tra febbraio e marzo 2020, mancavano ancora le conoscenze scientifiche sufficienti per arginare la diffusione del virus”.

Morti di Covid nelle Rsa: la Procura di Torino archivia le accuse di epidemia e omicidio colposo
Cronaca Torino, 07 Ottobre 2021 ore 09:53

Morti di Covid nelle case di riposo per anziani a Torino e provincia: la Procura archivia i primi quattro casi.

Morti di Covid nelle Rsa: casi archiviati

La procura di Torino ha chiesto l’archiviazione dei primi quattro fascicoli di indagine, aperti per epidemia e omicidio colposo, sulle residenze sanitarie per anziani dove tra febbraio e marzo 2020 si erano verificati una lunga serie di decessi a causa del Covid.

"Quando è scoppiato il Covid, tra febbraio e marzo 2020, la situazione era tale che non è possibile far ricadere sui vertici e sul personale della Rsa responsabilità di carattere penale per i casi di morte o di malattia verificatisi nelle strutture: non c'erano conoscenze scientifiche sufficienti e, di conseguenza, l'organizzazione complessiva, a livello generale, era lacunosa sotto vari aspetti".

E' questa una delle ragioni per cui è stata chiesta l'archiviazione. I quatto procedimenti archiviati riguardano una Rsa di Moncalieri, due che fanno capo al Cottolengo e una a Cavour.

Restano ancora aperte le inchieste sui casi più gravi come quello della “San Giuseppe” di Grugliasco dove erano morti 21 anziani su 87 ospiti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter