Corso Vercelli

Litigio in strada, aggredisce i rivali con un coltello di 21 cm.

Un 24enne italiano è stato fermato e denunciato dalla Polizia Municipale durante un diverbio per questioni di precedenza.

Litigio in strada, aggredisce i rivali con un coltello di 21 cm.
Cronaca Torino, 29 Giugno 2021 ore 13:22

Litigio per la strada, molto probabilmente per questioni di viabilità, per miracolo non si è concluso in dramma: un uomo ha estratto un lungo coltello dal 21 cm per aggredire i rivali. Il tutto è accaduto in Corso Vercelli quando una pattuglia in abiti civili del Comando Territoriale della Polizia Municipale ha notato alcune auto ferme in mezzo alla strada e un gruppo di persone che litigavano animatamente intralciando il traffico. La classica zuffa per mancata precedenza, insomma, ma con un pericoloso ingrediente in più: uno dei contendenti aveva perso la testa ed impugnava un grosso coltello lungo 21 cm. con il quale minacciava gli altri.

Gli agenti si sono fermati per verificare cosa stesse accadendo e, dopo essersi identificati, si sono accorti dell'affilata lama. I "civich" sono quindi intervenuti e hanno fermato e disarmato l'uomo, un pregiudicato di 24 anni di nazionalità italiana. Dalle testimonianze raccolte, la lite sarebbe scoppiata per futili motivi di circolazione stradale. Non ci sono stati ulteriori sviluppi nel litigio, che poteva tranquillamente sfociare in rissa con prevedibili conseguenze, forse anche perché gli astanti hanno visto nei vigili la possibilità di passare dei guai.

Una volta ristabilito l’ordine, l’autore del fatto è stato accompagnato al Comando di via Bologna per le pratiche di rito, dove l'uomo è stato denunciato a piede libero ai sensi della legge 11 del 1975 (porto abusivo di armi), e dell'articolo 612 del Codice penale (minaccia aggravata). Il coltello è stato posto sotto sequestro in attesa degli sviluppi giudiziari in merito.

Davvero pericoloso dunque il comportamento di questo 24enne che ha estratto un coltello in strada durante il litigio per viabilità.