Menu
Cerca
Evitato il peggio per un pelo

Lite da saloon: immigrati si affrontano a colpi di bottiglie rotte

Uno dei contendenti è finito in ospedale per ferite al collo. Un secondo episodio vede protagonista un italiano accecato dalla gelosia.

Cronaca Torino, 09 Marzo 2021 ore 11:12

Due interventi preventivi dei Carabinieri hanno impedito aggressioni e conseguenze violente potenzialmente molto gravi. Il primo caso vede protagonisti due immigrati che volevano darsele di santa ragione, ma non a mani nude: si erano “armati” con due bottiglie rotte e cercavano di sfregiarsi (o peggio). Il secondo caso invece riguarda un italiano accecato dalla gelosia che voleva pestare a sangue il suo rivale in amore.

Immigrati violenti

Nella serata di ieri i Carabinieri hanno impedito che una violenta lite tra due extracomunitari degenerasse in tragedia. Non si conoscono i motivi di tanto astio, poi sfociato in pericolosa violenza: i due non hanno voluto spiegare perché litigavano. Gli stranieri si sono affrontati a colpi di bottiglie di vetro e solo il pronto intervento di ben tre “gazzelle” dell’Arma ha evitato il peggio, tanto che uno dei due litiganti ha riportato profonde ferite al volto e al collo e ne avrà per 25 giorni. Sarebbe bastato un centimetro più in là e il vetro tagliente gli avrebbe reciso la giugulare, non lasciandogli scampo. I due sono stati denunciati a piede libero all’Autorità giudiziaria e dovranno rispondere del reato di lesioni aggravate.

Pazzo per la gelosia

Il secondo episodio riguarda invece una relazione d’amore: un fidanzato non si fida della sua “lei” e pensa di essere tradito. Va quindi dal presunto rivale (fra l’altro ex-fidanzato della ragazza) per dargli il fatto suo. Tenta quindi di entrare in casa del rivale in amore per aggredirlo, ma viene intercettato e arrestato dai Carabinieri. Il fatto si è verificato nel quartiere Santa Rita dove l’aggressore, un cittadino italiano 35enne, ritenendo che la fidanzata continuasse a vedersi con l’ex-ragazzo, ha deciso di chiarire una volta per tutte la questione che lo assillava. Ha preso ed è andato presso l’abitazione dell’uomo. Giunto sul posto, al culmine della rabbia, ha sfondato il portoncino condominiale e poi ha tentato di abbattere addirittura a spallate la porta d’ingresso dell’appartamento. Già che c’era, gli ha anche divelto il campanello. Nel frattempo sono giunte le pattuglie dell’Arma che lo hanno immobilizzato impedendo fisicamente l’aggressione.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli