Lutto nella politica

La Sinistra torinese piange Giuseppe La Ganga, morto a 72 anni

In passato deputato del Partito socialista italiano, poi nel Pd con Fassino, Carpanini e Chiamparino.

La Sinistra torinese piange Giuseppe La Ganga, morto a 72 anni
Cronaca Torino, 23 Ottobre 2020 ore 13:02

La Sinistra torinese piange Giuseppe La Ganga, morto a 72 anni. Il politico italiano in passato è stato deputato e dirigente del Partito socialista italiano e, dal 2013 al 2016, consigliere comunale della città di Torino.

La Sinistra torinese piange Giuseppe La Ganga, morto a 72 anni

Ad annunciare il fatto è stato il Pd torinese sulla sua pagina Facebook:

“ll Partito Democratico di Torino si stringe attorno alla famiglia La Ganga per la scomparsa del caro Giusi. Lo ricordiamo con affetto per la sua fine e non comune intelligenza politica, per il suo attivismo nel Pd e nelle Istituzioni”.

Nel corso della sua carriera politica, Giuseppe La Ganga, detto Giusi, è stato un personaggio di spicco del Psi, come responsabile degli enti locali, e stretto collaboratore del partito di Craxi dagli anni settanta fino alla dissoluzione in seguito all’operazione Mani Pulite. Dopo essersi ritirato dalla scena politica per diversi anni, è ritornato nel 2001 a sostegno della candidatura a sindaco di Torino di Domenico Carpanini e poi di Sergio Chiamparino. Nel luglio del 2013 entrò a far parte del consiglio comunale di Torino con la carica di consigliere fino al 2016.

Tra i messaggi di cordoglio, quello dell’assessore della Regione Piemonte, Fabrizio Ricca:

“Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di Giusi La Ganga, protagonista importante e osservatore sempre attento della politica nazionale e cittadina. Le mie condoglianze sincere vanno ai suoi cari e a tutte le persone che gli hanno voluto bene e che lo hanno stimato come politico e come uomo”.

6 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE: 

Tragico incidente mortale nel Torinese: muore giovane mamma, grave figlio di 5 anni

 

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità