Cordoglio

La sindaca di Torino ricorda Carla Nespolo: “Non ci lasciano i valori di libertà e Resistenza”

Addio a Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi e piemontese doc.

La sindaca di Torino ricorda Carla Nespolo: “Non ci lasciano i valori di libertà e Resistenza”
Torino, 06 Ottobre 2020 ore 10:07

Addio a Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi: “Ciao comandante”.

Addio a Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi: “Ciao comandante”

Il cordoglio è arrivato da associazioni, parti politiche e cittadini: addio a Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi. Lo comunica l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia:

“Con immenso dolore, comunichiamo la scomparsa della nostra amatissima presidente nazionale Carla Nespolo. Lascia un vuoto profondissimo in tutta l’Anpi che Carla ha guidato dal novembre 2017 – prima donna presidente – con grande sapienza, passione, intelligenza politica e culturale nel solco pieno della grande tradizione di autorevolezza ed eredità attiva dei valori e principi della Resistenza che ha contraddistinto la nostra Associazione fin dalla sua nascita. Non dimenticheremo mai il suo affetto nei confronti di tutti noi, la sua presenza continua anche negli ultimi mesi, durissimi, della malattia. Ciao comandante”.

Piemontese doc

Una piemontese doc: nata a Novara nel 1943 si è spenta il 4 ottobre ad Alessandria. Il 3 novembre 2017, dopo esserne stata a lungo vice-presidente, venne eletta Presidente nazionale dell’associazione A.N.P.I., primo presidente a ottenere questa carica senza aver fatto il partigiano e prima donna.

Il ricordo della sindaca di Torino

Chiara Appendino ha espresso il suo cordoglio pubblico:

La Città di Torino è vicina ai famigliari di Carla Nespolo, Presidente dell’ANPI Nazionale, che oggi ci ha lasciati. Non ci lasciano tuttavia i valori della libertà e della Resistenza che, con il suo impegno e i suoi sforzi, ha trasmesso e trasmetterà a intere generazioni. A lei va tutta la nostra riconoscenza.

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità