torino

La nuova iniziativa di GTT: "Se di notte il bus non ti porta sotto casa, ti paghiamo noi il taxi"

L'azienda lancerà dei voucher per i propri abbonati

La nuova iniziativa di GTT: "Se di notte il bus non ti porta sotto casa, ti paghiamo noi il taxi"
Pubblicato:
Aggiornato:

Il bus non ti porta sotto casa e non ti senti sicuro in quel pezzo di strada da fare fino al tuo portone perché magari in quel tratto l'illuminazione stradale non è un granché? Niente paura: GTT ha la soluzione: un voucher per pagare un taxi o un monopattino per arrivare sani e salvi a casa.

"Ultimo miglio"

"Ultimo miglio" si chiama così l'iniziativa, che servirà a dare più sicurezza ai passeggeri, soprattutto alle donne ad ora tarda.

La presidente del gruppo Gtt Serena Lancione, l'ha presentata domenica scorsa, al Politecnico di Torino, nell'ambito della Biennale tecnologia. L'operazione sarà finanziata da nuovi fondi del governo e partirà entro l'estate.
Inoltre, il Comune sta lanciando la rete Maas (Mobility as a Service) per promuovere un nuovo approccio al trasporto pubblico che ruota attorno a un’unica app dove poter organizzare il proprio viaggio usando bus, metro, ma anche monopattini, taxi e auto in condivisione. L’applicazione è stata appena inaugurata e prevede una sperimentazione di due anni. Con un regalo di benvenuto, dal valore di dieci euro, da spendere tra i vari servizi integrati nella rete di Maas.
Tra questi anche quelli di Wetaxi, piattaforma di mobilità intelligente nata come spin off del Poli per prenotare e condividere taxi e che dal 22 aprile permette l’acquisto di biglietti metro, bus, tram e il noleggio di servizi di sharing mobility.

Un voucher per gli abbonati

Per quanto riguarda "Ultimo miglio", l'iniziativa prenderà forma di un voucher per abbonati (settimanali o mensili) che potranno decidere se tornare a casa in taxi o con il monopattino. Insomma, una risposta concreta all'insicurezza sentita da molti nel tragitto verso caso, spesso compiuto in solitaria, soprattuto da giovani donne e studentesse.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali