Cronaca
"Provvedimento spropositato"

La denuncia della Cgil: "Amazon sospende lavoratrice perchè sta troppo in bagno"

Ma l'azienda smentisce: "Non monitoriamo le pause e non cronometriamo i nostri dipendenti".

La denuncia della Cgil: "Amazon sospende lavoratrice perchè sta troppo in bagno"
Cronaca Canavese, 27 Aprile 2022 ore 09:44

La denuncia della Filt Cgil Torino e Piemonte in merito alla vicenda che vede coinvolta una ragazza, dipendente di Amazon a Torino, addetta alla preparazione di pacchi da spedire che sarebbe stata sospesa per aver passato troppo tempo in bagno.

La denuncia della Cgil: "Amazon sospende lavoratrice perchè sta troppo in bagno"

Una dipendente Amazon addetta alla preparazione dei pacchi nel maxi-hub di Torrazza Piemonte sarebbe stata sospesa per aver trascorso troppo tempo in bagno. A denunciarlo è la Filt Cgil di Torino e Piemonte:

"I lavoratori AMAZON cronometrati per andare in bagno e puniti con sanzioni disciplinari se i tempi…. non sono conformi all’ALGORITMO!!!"

Luca Iacomino della Cgil riferisce che l'azienda avrebbe contestato alla ragazza, classe '96, di essersi assentata dal lavoro per venti minuti. Una vicenda avvenuta nel mese di gennaio, intorno all'una di notte. Alla lavoratrice viene contestato di aver lasciato la postazione di lavoro prima per andare ai servizi e poi di essersi fermata a scambiare qualche parola con una collega. Un ritardo che le sarebbe costato un giorno di sospensione. 

"Provvedimento spropositato"

L’Ispettorato del Lavoro, ha però bocciato quanto stabilito dal noto gruppo delle spedizioni online che, come riportato da Ansa, avrebbe giudicato il provvedimento spropositato e privo di ogni fondatezza.

Questione sicurezza

Amazon, sostiene però che le accuse della Cgil siano false: “Non monitoriamo le pause e non cronometriamo i nostri dipendenti”. Secondo quanto riportato dalla multinazionale, infatti, i lavoratori possono utilizzare il bagno in qualsiasi momento senza doversi sentire controllati. Per l'azienda, invece, la giovane si sarebbe allontanata senza prima avvisare i responsabili: “Essenziale - sostiene l’azienda - che le persone seguano queste procedure. Non farlo potrebbe avere conseguenze significative, soprattutto in caso di emergenza o evacuazione”. Si tratterebbe quindi di un provvedimento disciplinare legato ad una questione di sicurezza.

"Andremo avanti"

Una giustificazione che però non soddisfa la Cgil e che in una nota precisa:

"La FILTCGIL Torino e Piemonte è determinata ad andare avanti nella difesa dei diritti e nel far riconoscere ai lavoratori la corretta applicazione delle norme sul lavoro, del CCNL e sulla sicurezza negli ambienti di lavoro attenzionando i ritmi e carichi di lavoro".

(Foto di copertina: Amazon)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter