SICUREZZA STRADALE

La ciclista più veloce del mondo sta girando il Piemonte per portare il suo messaggio

La Guinness Woman è appoggiata nella sua campagna dal consigliere regionale Paolo Avetta.

La ciclista più veloce del mondo sta girando il Piemonte per portare il suo messaggio
Torino, 18 Luglio 2020 ore 13:11

La ciclista eporediese Paola Gianotti, la donna più veloce al mondo e detentrice di 3 Guinness World Record sta intraprendendo in questi giorni un Giro del Piemonte in bici.

Il messaggio di Paola Gianotti

Gianotti pedalerà per 1.500 km attraversando i 75 comuni piemontesi che hanno aderito al progetto Io rispetto il ciclista e scelto di installare la relativa cartellonistica. La ciclista eporediese porta avanti da anni la campagna con il campione iridato Maurizio Fondriest e Marco Cavorso, padre di Tommaso, morto a quattordici anni a causa di un incidente stradale mentre si allenava con l’obiettivo di sensibilizzare sul mantenimento, da parte degli automobilisti, di una distanza laterale dai ciclisti di almeno 1,50 metri.

La mozione del Consigliere Paolo Avetta

L’iniziativa è stata considerata di grande rilevanza dal consigliere regionale Paolo Avetta (PD) che ha presentato in Consiglio regionale una mozione chiedendo alla Regione Piemonte di sostenere la campagna, facendosi carico di coordinare e favorire gli Enti Locali nei necessari investimenti per la messa in sicurezza nei confronti del traffico su bicicletta. Avetta dichiara

In questa fase di ri-partenza, stiamo registrando un marcato aumento del traffico in bicicletta. Diventa, quindi, ancora più importante e urgente diffondere una cultura di maggior rispetto nei confronti dei ciclisti. Non dimentichiamo che sulle strade italiane muore un ciclista ogni 35 ore. L’iniziativa di Paola Gianotti deve trovare sostegno anche da parte della Regione Piemonte. Molti Comuni piemontesi hanno aderito alla campagna, e apporranno sui loro territori una specifica segnaletica stradale (come quella che identifica i comuni “amici dei ciclisti” o quella che richiama il mantenimento alla distanza minima di sicurezza dal ciclista di 1,5 metri). Tuttavia, stanno sorgendo alcuni dubbi interpretativi, in particolare per quanto riguarda la compatibilità di questa cartellonistica con le norme che regolano il traffico sulle strade provinciali e statali.

La soluzione

Questi problemi di natura burocratica possono essere risolti con un intervento della Regione che deve varare misure specifiche a sostegno dei Comuni, delle Province e della Città metropolitana finalizzate alla sensibilizzazione rispetto al traffico su bicicletta e alla maggior sicurezza delle strade, nonché convocare un tavolo, coinvolgendo gli enti locali e le loro rappresentanze e le associazioni di settore per raccogliere ed elaborare tutte le idee e gli spunti volti a migliorare la sicurezza del traffico ciclabile e così sollecitare il ministero dei Trasporti e il Parlamento per l’adeguamento del Codice della Strada nella parte riguardante la maggior tutela del traffico su bicicletta.

 

 

 

Leggi anche: Bici e monopattini selvaggi: nessuno rispetta le regole

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità