San Salvario

Incendio in un palazzo di via Berthollet: tanto fumo e un bel po' di spavento

Le fiamme sono partite dal seminterrato dello stabile in zona Porta Nuova

Incendio in un palazzo di via Berthollet: tanto fumo e un bel po' di spavento
Pubblicato:
Aggiornato:

E' in fase risolutiva l'intervento di questo pomeriggio, 22 maggio 2024, dei vigili del fuoco in un palazzo di via Berthollet 33, quartiere San Salvario, a Torino.

Nessuna persona coinvolta

Le fiamme sono partite dal seminterrato dello stabile in zona Porta Nuova, sul posto sono accorse immediatamente le squadre dei vigili del fuoco per le opere di spegnimento e alle 15 la situazione pareva già risolta.

Tanto fumo, nessun danno

Abbiamo contattato telefonicamente la signora Cosima, del bar accanto al palazzo dove è avvenuto l'incendio che ci ha confermato che i pompieri a metà pomeriggio sono già andati via, nessun danno agli appartamenti, ma il disagio del fumo e la paura dei suoi avventori come racconta lei stessa:

"I miei clienti sono andati via spaventati per via del fumo che ha invaso il mio bar, non so dire esattamente la causa dell'incendio, in un primo momento sembrava un corto circuito, ma pare non ci fosse nulla di elettrico, penso che al momento neanche i pompieri abbiano capito l'origine del rogo"

Un mese fa l'incendio in via Vanchiglia

E' ancora fresca la memoria nei Torinesi di un altro incendio dalle conseguenze decisamente disastrose, è l'ora di pranzo del 18 aprile 2024 quando in via Vanchiglia 18  un vecchio palazzo in ristrutturazione dove abitavano 70 famiglie va a fuoco. Nel giro di poco giovani, adulti, anziani e bambini hanno perso tutto. Sull'origine di quanto è successo quel giorno si susseguono più voci: qualcuno pensa che la causa dell'incendio possa essere stata la fiamma ossidrica di un operaio, altri che il rogo sia partito dalla mansarda dove vivevano degli studenti. Il bilancio è comunque dei più gravi (anche se fortunatamente nessuno si è ferito): 70 nuclei famigliari si ritrovano all'improvviso senza un tetto sulla testa e senza sapere quando, e se, sarà possibile tornare a casa.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali