TORINO

Il sesto Fleximan della banda di ladri di Asti arrestato a Torino

I carabinieri lo hanno rintracciato nella notte tra il 31 maggio e il 1 giugno a Torino e gli hanno notificato l’ordine di custodia in carcere

Il sesto Fleximan della banda di ladri di Asti arrestato a Torino
Pubblicato:

E’ stato catturato nella notte tra il 31 maggio e il 1 giugno 2024 a Torino, dai carabinieri del Nucleo Operativo di Asti, il sesto componente della banda dei Fleximan astigiani.

Come riporta lanuovaprovincia.it, fa parte del gruppo cui i carabinieri, sotto la guida del sostituto procuratore Laura Deodato, sono risaliti dopo l’abbattimento degli autovelox sulla tangenziale la vigilia del Natale scorso.

Sei in tutto ma cinque già catturati giovedì mattina e questo sesto ricercato. Grazie alle informazioni raccolte durante le indagini, i carabinieri lo hanno rintracciato nella notte a Torino e lo hanno arrestato per poi portarlo al carcere di Asti. Oggi gli interrogatori di garanzia.

Gli altri casi

Erano diventati loro malgrado iconici rispetto al fenomeno Fleximan: malgrado tutto fosse cominciato in provincia di Rovigo (Veneto) e poi allargatosi a macchia d'olio praticamente in tutta Italia (qui la mappa dei colpi di Fleximan fino a inizio marzo), l'unico filmato di un autovelox segato "in diretta" era infatti stato ripreso vicino ad Asti, in Piemonte, il 24 dicembre scorso.

Quindi non solo Enrico Mantoan, l'ex segretario provinciale di Forza Nuova a Rovigo che andrà a processo perché ritenuto il primo, l'originale. Anche i Fleximan piemontesi ora hanno un nome e faranno la stessa sorte.

Con una sorpresa però: non lo facevano per protesta, erano ladri e volevano coprire la loro fuga dopo i furti.

I Fleximan astigiani

IL VIDEO:

 

Era successo proprio nel territorio di Asti, sulla Statale 231, tangenziale fra le uscite di corso Savona e corso Alessandria:

Erano ladri e volevano coprire la loro fuga

Quelle immagini fecero poi il giro dei social, eppure non si trattò di un gesto di contestazione contro gli autovelox che sfornano multe agli automobilisti e ai camionisti in gran quantità come ha rivendicato il “Fleximan” del Nord Est.

Nel caso astigiano l’abbattimento è stato dettato dalla necessità di togliere degli efficaci occhi elettronici molto precisi e fini attivi 24 ore su 24 su un tratto di strada molto frequentato dal gruppo di arrestati all’andata e al ritorno dalle loro scorribande in case, distributori e ditte in cui compivano furti anche ingenti.

I Fleximan all'opera

Secondo quanto trapelato, avevano come base un capannone ad Isola d’Asti e da lì partivano verso gli obiettivi scelti di volta in volta per i furti e lì tornavano per nascondere la refurtiva fino alla vendita ai ricettatori. Si parla anche di furti di grandi mezzi come trattori agricoli e industriali.

Per questo motivo quei due autovelox dotati di telecamere di sorveglianza erano un “guardiano” che non si potevano permettere.

L'autovelox abbattuto

I Carabinieri hanno attribuito al gruppo dei arrestati 10 furti ai danni di distributori di carburante cui veniva sottratta la cassaforte della colonnina self service utilizzando lo stesso flessibile usato per abbattere i pali dell’autovelox. E poi tre furti in casa in cui hanno rubato veicoli, armi, denaro e gioielli e sette furti dentro aziende e negozi che hanno fruttato un bottino in denaro ma anche in attrezzature e veicoli di grande valore.

ECCO COME USAVANO IL FLESSIBILE ANCHE NEI FURTI AI DISTRIBUTORI:

CONTINUA: Il Fleximan di Rovigo, quello bergamasco e le nuove "armature"

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali