Menu
Cerca
caccia ai dispositivi pericolosi

Il Politecnico di Torino avverte: “Attenzione alle mascherine CE2163 e a quelle di stoffa”

Secondo il Professor Tronville due strati di carta da cucina sarebbero molto più efficaci delle mascherine di stoffa.

Il Politecnico di Torino avverte: “Attenzione alle mascherine CE2163 e a quelle di stoffa”
Cronaca Torino, 04 Marzo 2021 ore 18:13

I laboratori del Politecnico di Torino hanno certificato l’inefficacia delle mascherine provenienti dalla Turchia e destinate alle Asl di Torino.

Caccia ai dispositivi pericolosi

Il Professor Paolo Tronville, docente di Fisica Tecnica Ambientale presso il Politecnico, ha esaminato le FFP2 e FFP3 maxi provenienti dal sequestro della Guardia di Finanza al Porto di Trieste. Non dovrebbero far filtrare più dell’1% di particelle di aerosol ma spesso così non avviene, in alcuni casi si parte dal 13-15%, in un caso 27%.

Il consulente si è trovato spesso di fronte al codice di certificazione CE2163 dell’azienda turca Universal e i risultati sono stati parecchio discontinui.

Passaggi oscuri della filiera

Inoltre, ci sarebbero molti passaggi oscuri nella filiera delle mascherine con tanto di laboratori di certificazione fantasma sparsi per il mondo e praticamente impossibili da contattare. Il laboratorio del Politecnico ha aiutato molte procure del Piemonte e lo stesso Professor Tronville ha cercato di parlare con un laboratorio negli Stati Uniti che non ha neanche mai risposto al telefono.

E le mascherine in stoffa? Meglio la carta da cucina

Ma il dibattito mondiale oggi è più che altro sulle mascherine di stoffa: bastano veramente a proteggerci?

Ebbene, secondo il Professore sono spesso inefficaci, tanto che due strati di carta da cucina sarebbero meglio di molte che sono oggi in circolazione.

LEGGI ANCHE:

Mascherine sequestrate al Porto di Trieste: dovevano arrivare a Torino

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli