quartiere cenisia

“Ho l’arma, ma sono innocente”: il suo piano però era di sparare al vicino di casa

Da tempo avevano dei dissidi, il piano era di sparargli non appena fosse passato davanti alla sua porta di casa.

“Ho l’arma, ma sono innocente”: il suo piano però era di sparare al vicino di casa
Cronaca Torino, 14 Gennaio 2021 ore 19:51

Un quarantunenne residente nel quartiere Cenisia è stato individuato due giorni fa dagli agenti del Commissariato San Paolo pochi minuti dopo aver minacciato un vicino di casa con una pistola.

“Ho l’arma, ma sono innocente”

L’uomo ha permesso agli agenti di ritrovare l’arma, una scacciacani priva del tappo rosso, professandosi “innocente”. Nelle sue tasche, una cartuccia danneggiata nel fondello, presumibilmente inesploso. Dalla ricostruzione degli agenti è emerso che il quarantunenne aveva atteso il rientro a casa di un vicino di casa col quale da tempo aveva dei dissidi.

L’odio per il vicino di casa

Il piano prevedeva che nel momento in cui il vicino fosse passato in corrispondenza del suo alloggio lui avrebbe aperto la porta di casa puntandogli l’arma ed esplodendo un colpo. Lo avrebbe, nel frattempo, minacciato di ammazzarlo. Il quarantunenne, che ha precedenti per minacce e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere, non in possesso di armi o titoli di Polizia equipollenti, è stato denunciato per minacce aggravate.

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità