Don Camillo e Peppone

“Fermi, quel pullmino è laico!”: il parroco vuole benedire il nuovo mezzo, ma il sindaco non lo permette

A tagliare il nastro, e presente quando si sono svolti i fatti, anche il governatore della Regione Alberto Cirio.

“Fermi, quel pullmino è laico!”: il parroco vuole benedire il nuovo mezzo, ma il sindaco non lo permette
15 Ottobre 2020 ore 09:52

La scorsa settimana, in occasione dell’inaugurazione del nuovo scuolabus di Bibiana – piccolo comune del Torinese, vicino a Pinerolo – è andato in scena uno scontro che ricorda le migliori trame di Don Camillo e Peppone.

Il pullmino della discordia

A tagliare il nastro è stato il presidente della Regione Alberto Cirio, che ha così inaugurato il nuovo mezzo. Fra i presenti anche il diacono della parrocchia di San Marcellino con l’intenzione di benedire il pullmino dedicato al trasporto degli studenti: ma il sindaco ha detto no, precisando successivamente che in un colloquio preliminare si era già deciso di soprassedere.

Come Peppone e Don Camillo

Il diacono si è portato a casa il rifiuto ma lo smacco dev’esserci stato, al punto da portare il sacerdote a tornare sull’argomento alla fine della messa di domenica, successivamente però ha smorzato i toni dicendo che ormai la questione era trascesa al pettegolezzo. Il sindaco di Bibiana Fabio Rossetto ha spiegato le sue ragioni: non si trattava di una festa religiosa, bensì di un contesto laico se non politico – considerando anche la presenza del presidente Cirio – motivo per il quale ha ritenuto non fosse opportuno procedere con il rito, cosiderando che “ci sono tante religioni e c’è anche chi di religione non ne ha nessuna“.

Incontro chiarificatore

Il primo cittadino e il prete hanno avuto modo di incontrarsi e parlare per chiarirsi cordialmente. Rossetto specifica di essere restato comunque sulla sua decisione.

“Ti amo. Come te lo devo dire?”: il mistero dello striscione in piazza Adriano

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità