autista e aiutante arrestati

Facevano consegne nei supermercati tenendosi qualche prosciutto

Da tempo il responsabile di due supermercati della stessa catena notava parecchi ammanchi di merce nei magazzini.

Facevano consegne nei supermercati tenendosi qualche prosciutto
Torino, 02 Settembre 2020 ore 17:54

Da tempo il responsabile di due supermercati della stessa catena notava parecchi ammanchi di merce nei magazzini.  Il valore della merce rubata arriva quasi 1700 euro, troppo per non fare nulla, così lunedì mattina, dopo l’ennesimo episodio, chiama il 112 .

La consegna sospetta

L’uomo racconta agli agenti che i punti vendita di via Luca della Robbia e via Beaulard sono serviti tre volte a settimana dallo stesso furgoncino e che l’autista, durante le consegne, si fa aiutare da un ex dipendente. Quel lunedì però il direttore del supermercato e il responsabile della ditta di trasporti monitorano tutti gli spostamenti dell’automezzo. In via Asiago la consegna dura più del previsto, infatti mentre l’autista recapita la merce, il complice, rimasto a bordo del furgone, sale sul cassone dove armeggia con i prodotti. Successivamente, il mezzo si dirige in via Luca Della Robbia dove, dopo la consegna, riparte. Qui, gli addetti del supermercato si accorgono subito che mancano diversi articoli.

L’autista e il complice

Quando arriva in via Beaulard, ad aspettare il furgone, ci sono i poliziotti. Alla loro vista, i due occupanti, entrambi cittadini italiani di 51 anni, tentano di proseguire la propria corsa per sfuggire al controllo. Bloccato il furgone, l’autista si palesa ai poliziotti, mentre il complice cerca di nascondersi all’interno del mezzo dove vengono trovati 3 prosciutti interi e 12 pezzi in busta, alcuni ottavini di formaggio, yogurt e una forma di pecorino per un valore totale di oltre 430 euro. I due sono stati arrestati per furto.

 

Leggi anche: Estorcevano la carità ai ragazzini fingendo di vendere gadget per gli ex carcerati: arrestati

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità