Cronaca
TORINO SUD

Carmagnola, 60 ettari di campi fertili rischiano di essere cementificati

Coldiretti Torino chiede l’intervento della Regione Piemonte.

Carmagnola, 60 ettari di campi fertili rischiano di essere cementificati
Cronaca Carmagnola, 23 Novembre 2022 ore 11:44

A Carmagnola c'è un nuovo grave attacco all’agricoltura e all’ambiente in una della aree più produttive del Torinese coltivata da una quindicina di aziende agricole. Oltre 60 ettari di terreni fertili potrebbero essere, presto, interessati dall’ennesima vasta cementificazione nella zona sud della provincia di Torino.

A rischio terreni coltivati a mais

Si tratta di terreni coltivati per lo più a mais con una produzione che supera i 42mila quintali: una resa eccezionale che ha pochi riscontri in Piemonte e che serve all’autosufficienza delle aziende zootecniche di bovini della pregiata razza piemontese, vanto agroalimentare di Carmagnola. Ma la grande area è anche una delle migliori disponibili per realizzare progetti di ampliamento delle produzioni del peperone di Carmagnola su cui la Città investe buona parte della sua promozione organizzando anche la celebre Fiera nazionale di settembre.

«Siamo venuti a conoscenza di questa nuova speculazione che vorrebbe ricoprire di capannoni i terreni più produttivi di questa zona già gravemente ferita dalla piaga del consumo di suolo» avverte il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici. «Non staremo a guardare. Difenderemo le attività agricole e le produzioni di cibo da questo ennesimo attacco convinti che sia nostro dovere affermare il principio che l’agricoltura sia un’attività economica oggi più che mai strategica».

In un recente incontro, alla presenza di oltre 200 agricoltori, l’Amministrazione di Carmagnola ha ribadito
che i terreni oggetto della speculazione rimarranno a destinazione agricola e che non saranno edificabili.

«Ringraziamo sindaco e giunta per questa presa di posizione chiara ma, a questo punto, chiediamo un pronunciamento altrettanto chiaro da parte della Regione. Ci aspettiamo una presa di posizione precisa dell’amministrazione regionale che sta modificando la legge sul consumo del suolo e che ha più volte ribadito di voler salvaguardare maggiormente i terreni agricoli. Se a Carmagnola c’è l’esigenza di realizzare una nuova area produttiva o un’area a servizi proponiamo l’utilizzo degli oltre 50 ettari delle storiche acciaierie: un’area già compromessa che necessita una nuova destinazione produttiva».

Seguici sui nostri canali