Cronaca
Grande dolore

Addio a Sara vinta dal male a soli 23 anni: aveva raccontato in un libro la sua storia

Sara Cornelio ha combattuto sino alla fine, ma ha perso la sua battaglia.

Addio a Sara vinta dal male a soli 23 anni: aveva raccontato in un libro la sua storia
Canavese Aggiornamento:

C'è tanto dolore per la tragica notizia della morte della 23enne Sara che ha lottato sino alla fine contro una grave malattia. La giovane, come riporta Prima il Canavese, era molto conosciuta non solo nell'Eporediese, ma anche in tutto il Canavese, dove ha sempre raccontato la sua storia portando speranza a molte persone.

Il Canavese piange la giovane Sara Cornelio

Profondo dolore e sconforto per la morte a soli 23 anni di Sara Cornelio. La giovane ragazza di Pavone Canavese ha lottato sino alla fine contro la fibrosi cistica che alcuni anni fa l'aveva costretta ad un trapianto polmonare. Negli ultimi giorni le sue condizioni di salute erano peggiorate e nella mattinata di sabato 19 febbraio 2022 è giunta la tragica notizia del suo decesso. Numerosi i messaggi in ricordo di questa giovane donna che ha sempre amato la vita e ha sempre avuto speranza.

 "Cinque anni fa sono rinata grazie a un Dono: due polmoni meravigliosi che mi hanno permesso di ricominciare a vivere.

Ma il mio più grande progetto consiste nel diffondere speranza e luce nel mondo!".

Sono queste le parole che Sara ha lasciato sul suo blog. Parole di speranza che fanno emergere la sua grande gioia e voglia di vivere.

Aveva scritto dei libri

Sara si era laureata al Dams ed era autrice di canzoni oltre che di due libri “Un dono mi ha salvata” presentato al Salone del Libro di Torino e “La parte migliore di te”. Sara aveva raccontato la sua storia dando un grande insegnamento alle numerose persone che l'hanno conosciuta.

L'ultimo messaggio su Facebook

Sara aveva scritto su Facebook per l'ultima volta lo scorso 29 gennaio, aveva appena avuto il covid ed era stata ricoverata in ospedale:

Ieri finalmente sono tornata a casa! Inutile dire che sono felice; anche questa volta qualcuno mi ha teso la mano regalandomi tempo e speranza. Certo è che non è stato e non è facile, ho perso tanto peso e praticamente tutti i muscoli, sono tanto debole e stanca. Ma sono a casa, e molto probabilmente ora non ho nemmeno le forze per descrivere questa felicità, ma credetemi, ogni volta è come rinascere.
#undonomihasalvata

 

LEGGI DI PIU' SU PRIMA IL CANAVESE

Seguici sui nostri canali