Menu
Cerca
Al Lingotto

Vuoi il tuo avatar? Qui ti fabbricano l’alter ego virtuale (e personalizzato)

Fra scienza e fantascienza: ognuno può crearsi un proprio "sé" virtuale per accedere ai più svariati servizi online. Siamo al delirio o il futuro è davvero lì?

Vuoi il tuo avatar? Qui ti fabbricano l’alter ego virtuale (e personalizzato)
Attualità Torino, 29 Aprile 2021 ore 11:52

Vuoi il tuo avatar in carne e ossa? Ah, no, non si può dire “in carne e ossa” per un avatar… Ma un “vero” avatar si può dire, per qualcosa che è copia del reale e dunque mai vero? Quisquilie filosofiche, finezze da lana caprina buone nei discorsi campati in aria per menti evolute. Ma resta la domanda: chi vuole farsi un avatar davvero, come Dio comanda? Se volete provarci, e non considerate inquietante la foto-gallery qui sotto, da adesso si può.

7 foto Sfoglia la gallery

La prima “Avatar Factory” 100% Made in Italy sbarca a Torino, al multistore Green Pea (Lingotto) sfruttando appieno le potenzialità della tecnologia “Igoodi”. Come si fa: con la scansione digitale del proprio corpo per ottenere uno “smart body”, ovverosia l’avatar fotorealistico corredato da misure fisiche, tabella taglie, indici di wellness e consigli di abbigliamento in base alla conformazione corporea. Un alter ego completamente virtuale, quindi, utilizzabile in sempre più numerosi campi d’applicazione.

Fra nerd e pura scienza

La scoperta, a metà fra la pura scienza e i migliori passatempi da nerd, è però di tutto rispetto: ha infatti vinto nientemeno che il premio Award Global Innovation, a Tokyo nel 2020. Le recenti novità “Igoodi” non si fermano a questo salto in avanti tecnologico e di servizio. L’intento è quello di allargare alla più vasta fetta di pubblico possibile i vantaggi offerti oggi dall’avere un avatar a disposizione per semplificare la vita quotidiana e renderla più green. E’ la prima applicazione di un certo livello, questa, e va dato atto ai suoi inventori (veri e propri cervelloni tecnologici) di aver lavorato bene: la loro scoperta ci porterà dunque a un futuribile mondo fantascientifico e virtuale in cui noi faremo le cose attraverso il nostro avatar? L’immaginazione dei film di Hollywood è giunta ormai a concreto compimento? Difficile dirlo, per il momento.

Soddisfatto Berlusconi

In ogni caso il Ceo di Igoodi Billy Berlusconi può ben dirsi soddisfatto:

“Portiamo sul mercato una tecnologia innovativa che può contribuire all’abbattimento degli sprechi. Il passo successivo a questa prima fase, ciò che abbiamo fatto negli ultimi mesi, è stato quello di potenziare i nostri avatar integrandoli con un dataset che comprende tutte le esatte misure della persona e una tabella taglie corrispondente, gli indici di massa corporea, grassa e magra, e un’analisi della propria body-shape con consigli di abbigliamento per valorizzarla. Grazie a tutto questo oggi siamo gli unici sul mercato in grado di offrire a chiunque un corpo virtuale tridimensionale, fotogrammetrico e contenente tutte le informazioni che caratterizzano e identificano il corpo reale”.

Così sarà possibile scegliere il capo giusto online senza il fastidio dei resi, ottenere un abito su misura senza recarsi da un sarto e accedere a consulenze dietologiche o a programmi di fitness semplicemente condividendolo con il proprio trainer. Oltre a rappresentare in 3D le persone nel mondo digitale, vi si aggiunge la libertà di accedere a beni e servizi anche in assenza del corpo fisico. Insomma, “Vuoi il tuo avatar?” potrebbe diventare la domanda del futuro!