Torino

UniTo: nuovo riconoscimento per la Professoressa Chiara Ambrogio

Finanziato il suo progetto che mira a sviluppare un piano di trattamento personalizzato per i tumori con mutazioni KRAS

UniTo: nuovo riconoscimento per la Professoressa Chiara Ambrogio
Pubblicato:
Aggiornato:

Nuovo riconoscimento per Chiara Ambrogio, docente del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze della Salute dell’Università di Torino. Dopo il Consolidator Grant del 2020 la Prof.ssa Ambrogio si è aggiudicata un secondo ERC: il Proof of Concept (PoC). Il premio è dedicato a ricercatori e ricercatrici già vincitori di una delle sovvenzioni principali della ricerca di frontiera (Starting, Consolidator, Advanced o Synergy) per esplorare il potenziale di innovazione commerciale e sociale dei progetti di ricerca, grazie a un finanziamento di 150.000 euro per 18 mesi.

Il progetto

Con questo ERC la Commissione europea ha finanziato PREDICT, il progetto che mira a sviluppare un piano di trattamento personalizzato per i tumori con mutazioni KRAS, fra le più frequenti alterazioni riscontrate nei tumori umani. Il nuovo studio, basato su modelli predittivi di risposta a trattamenti sequenziali con inibitori di RAS, sarà possibile grazie alle conoscenze e agli strumenti genetici sviluppati con il precedente progetto (KARMA), finanziato dall’ERC Consolidator Grant del 2020 e incentrato sulla comprensione di meccanismi di funzionamento di KRAS a livello di biologia molecolare.

Dichiara Chiara Ambrogio:

"Le mutazioni del gene KRAS  possono innescare una crescita cellulare anomala che, a sua volta, può causare il cancro ai polmoni, al pancreas e al colon. Sebbene tali mutazioni siano state scoperte oltre 40 anni fa, una comprensione dettagliata delle proprietà biologiche dei tumori causati da questo gene mutato è ancora lontana. Nei prossimi mesi, insieme al gruppo di ricerca dell’Università di Torino e RASgenix, lavoreremo a stretto contatto con il business team di Day One per esplorare appieno il potenziale con l’obiettivo di raggiungere un reale impatto traslazionale per i pazienti".

Chi è la Professoressa Chiara Ambrogio

Dopo una laurea in Biotecnologie Mediche e un dottorato in Immunologia e Biologia cellulare all’Università di Torino, la Professoressa Chiara Ambrogio si è trasferita a Madrid nel 2009 per lavorare al Centro Nacional de Investigaciones Oncológicas (CNIO).
Nel 2016 si è spostata al Dana Farber Cancer Institute di Boston per completare la sua formazione traslazionale. Nel 2020, grazie alla vittoria del grant Career Development Award della Fondazione Giovanni Armenise Harvard, ha creato un gruppo di ricerca presso il Centro di Biotecnologie Molecolari dell'Università di Torino, tornando a svolgere la sua attività scientifica nel nostro Paese.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali