Menu
Cerca
Allarme ecosistema

Tartaruga azzannatrice catturata a Collegno

Molto pericolosa per l'indole aggressiva e perché distrugge l'ambiente in cui vive, questa testuggine è vietata in Italia fin dal 1986.

Tartaruga azzannatrice catturata a Collegno
Attualità 08 Giugno 2021 ore 13:08

Allarme tartaruga azzannatrice: un esemplare è stato rinvenuto a Collegno e chi si intende un po' di animali è già preoccupato.

E' molto pericolosa

Questa specie infatti, originaria del Mississippi e il cui nome scientifico è chelydra serpentina, risulta essere molto pericolosa. Soprattutto per l'ecosistema naturale in cui viene a trovarsi (distrugge tutto), poi perché cresce tanto e infine per la sua indole aggressiva. La tartaruga "piemontese" in particolare è stata consegnata ai veterinari del Centro animali non convenzionali e molto probabilmente era stata abbandonata da chi la deteneva abusivamente. Forse il proprietario ha preso questa decisione per le dimensioni che stavano iniziando ad essere troppo considerevoli rispetto al terrario, oppure si è spaventato per un morso (doloroso) dell'animale. Impossibile saperlo, fatto si è che la tartaruga azzannatrice è stata trovata, catturata, salvata e posta in sicurezza.

Il record italiano di questi esemplari è in capo a una testuggine rinvenuta a Roma nel 2011 che pesava ben 20 kg!

Una specie vietata

Il divieto che riguarda questo tipo di rettile risale addirittura a un decreto del Ministero dell'ambiente del 1996. Grazie ai Carabinieri Forestali di Torino l'animale verrà poi collocato in una struttura idonea ed autorizzata. Anche questo intervento della struttura universitaria di Grugliasco rientra nella convenzione attivata da Città metropolitana di Torino nell'ambito del progetto "Salviamoli insieme on the road" e riferita al recupero e salvataggio di animali non convenzionali: si rinnova ancora una volta l'appello a non allevare animali pericolosi e vietati. Fra le altre specie tropicali considerate pericolose ci sono i serpenti costrittori, le rane toro e gli aracnidi velenosi. Tutte bestie, fra l'altro, da cui è difficile attendersi quel vicendevole scambio d'affetto che caratterizza gli animali da compagnia.

Sia come sia, è stata catturata e posta in salvo la tartaruga azzannatrice rinvenuta a Collegno.