Menu
Cerca
Corso Francia

Occhio alle multe: nuovo autovelox attivo a Collegno

Il sindaco rispedisce al mittente qualsivoglia allusione alla necessità di fare cassa con i soldi delle sanzioni.

Occhio alle multe: nuovo autovelox attivo a Collegno
Attualità Torino, 04 Giugno 2021 ore 13:08

Occhio alle multe: un nuovo autovelox creerà problemi agli automobilisti in transito fra Collegno e Torino. Si tratta di un dispositivo per controllare l'andatura dei veicoli in transito, in grado di fotografare e identificare gli autori delle infrazioni al Codice della Strada.

Dal 15 giugno in Corso Francia

La macchinetta entrerà in funzione il 15 giugno 2021 in Corso Francia. L'autovelox, disattivato l'estate scorsa a Santa Maria per fare spazio al cantiere della metropolitana, sarà installato all'intersezione con via Podgora e con via De Amicis in Borgata Paradiso, nei pressi di una zona commerciale (vicino all'Inps e al Centro sociale) dove purtroppo nell'ottobre scorso ci fu un incidente mortale. Le intenzioni sono formalmente e ufficialmente buone (evitare che le auto vadano troppo forte) ma spesso dietro queste scelte si nasconde in realtà la voglia di far soldi a spese degli automobilisti. Sono famose e assodate le pratiche (punite anche dalla Magistratura) messe in atto da alcuni Comuni per far sì di incassare il più possibile con le multe. Trucchetti poi scoperti come quello di tarare il "giallo" di pochi secondi così da... sorprendere chi passa, oppure la scelta di porre limiti troppo bassi per determinate strade (lunghi rettilinei a 50 km/h) sono amare realtà. In passato, per questioni T-red e similari, furono anche condannati sindaci e titolari di aziende fornitrici (celebre l'inchiesta del Pm milanese Alfredo Robledo).

"Non vogliamo fare cassa"

Ma il primo cittadino Francesco Casciano e il suo assessore Gianluca Treccarichi rimandano al mittente ogni allusione in merito:

"A Collegno si devono rispettare i limiti di velocità, come giustamente richiesto da molti che lamentano alte velocità proprio tra Paradiso e l'Aeronautica. Se avessimo pensato di fare cassa (con le multe, ndr) non avremmo aspettato un anno. Bisogna fare delle scelte e alla velocità preferiamo la sicurezza, di tutti. La chiusura delle intersezioni non semaforizzate rende più sicuro il corso e i controviali ed è previsto con e senza autovelox. Ne abbiamo quindi approfittato per mettere il tutto a norma e sul rispetto delle norme non penso si possa discutere: occorre applicarle".

Sarà comunque il caso di stare attenti a questo nuovo autovelox, dispensatore di multe per automobilisti distratti.

(in copertina, una multa con T-red)