Attualità
Ricerca

Il Piemonte punta su hyperloop, il treno supersonico: da Torino a Milano in pochissimi minuti

Il treno è in grado di raggiungere una velocità di 1.200 km orari.

Il Piemonte punta su hyperloop, il treno supersonico: da Torino a Milano in pochissimi minuti
Attualità Torino, 23 Marzo 2022 ore 10:07

Il Piemonte punta  su hyperloop, il treno supersonico che permetterà di percorrere la tratta da Torino a Milano in pochissimi minuti.

Il Piemonte punta  su hyperloop

Il Piemonte è favorevole a contribuire allo sviluppo del sistema di trasporto hyperloop anche con i suoi centri di ricerca. Lo ha detto l’assessore ai Trasporti Marco Gabusi, ieri in Consiglio Regionale, rispondendo all’interrogazione presentata da Monica Canalis (Pd) che ha chiesto alla Giunta di sapere quali iniziative il Piemonte – seguendo l’esempio della Regione Veneto – intenda promuovere con hub territoriali di ricerca sulla tecnologia Hyper Transfer, creando di fatto un sistema sinergico tra imprese, università, centri di ricerca e Enti locali.

Gabusi ha spiegato che “non solo il sistema di hyperloop è compatibile con la strategia S3 ma addirittura possiamo immaginare di finanziarlo tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale (Fser) che presenteremo in questi giorni nei suoi requisiti essenziali. Grazie ad alcune misure che saranno incardinate nel nuovo programma regionale – ha aggiunto – riusciremo anche a sviluppare e rafforzare la capacità e la ricerca di innovazione nell’introduzione di tecnologie avanzate”.

Canalis ha anche chiesto se siano in programmazione missioni all’estero per promuovere partnership internazionali e se siano state avviate attività di interlocuzione con Rfi e con le imprese che a livello mondiale stanno studiando e testando questa nuova modalità di trasporto, per assicurare l’eventuale compatibilità di hyperloop con il profilo delle gallerie in costruzione nella linea a alta velocità del Terzo Valico di prossima inaugurazione.

 “Abbiamo già preso contatto con realtà già esistenti, come potrebbe essere quella di Tolosa – ha precisato l’assessore – e stiamo individuando un’occasione di confronto. Cercheremo, con l’aiuto dei tecnici, di capire quali potranno essere i passi successivi per lo sviluppo di questa nuova tecnologia, tenuto conto che il Piemonte dispone di luoghi adatti a questo tipo di ricerca”.

Cos'è Hyperloop

Hyperloop è un'ipotesi di tecnologia futuribile per il trasporto ad alta velocità di merci e passeggeri all'interno di tubi a bassa pressione in cui le capsule sono spinte da motori lineari a induzione e compressori d'aria. Un treno capace di viaggiare alla velocità di 1.200 km orari.

A dare il via al primo test di una capsula Hyperloop con passeggeri a bordo è stato Jay Walder, amministratore delegato al comando di Virgin Hyperloop: 500 metri percorsi a 400 km/h (per via della brevità del tragitto). Ma i test proseguiranno e negli States sono già state ipotizzate alcune tratte importanti che colleghino i principali centri nevralgici del Paese. Anche l'Europa guarda con estremo interesse al progetto che sta raccogliendo fondi e adesioni in ogni parte del mondo: negli Emirati Arabi, per esempio, gli ingegneri sono al lavoro per collegare Abu Dhabi a Dubai in 12 minuti.

Un progetto green

E come tutti i progetti illuminati che si rispettino non si prescinde dal tema ambientale. Hyperloop promette infatti sostenibilità e una visione green, rispettosa dell'ambiente. Walder fa sapere che la società sta lavorando a stretto contatto con i responsabili dei Trasporti della Commissione europea, anche in virtù del piano della Ue per la riduzione delle emissioni inquinanti.

In Italia

Interessante l'apporto degli scienziati di Leonardo, aperto un tavolo per una discussione preliminare su ingegnerizzazione delle capsule per l’utilizzo della loro tecnologia in fibra di Carbonio: le tecnologie italiane potrebbero essere di supporto.

L'italiano Paolo Barletta, con Alchimia, è l'unico investitore europeo socio di Virgin Hyperloop e spiega che i costi per ogni metro di infrastruttura sono ingenti (circa 60 milioni di euro).

Secondo Barletta, intorno al 2030, dovremmo avere già le prime tratte brevi come Milano-Malpensa e Roma-Fiumicino da percorrere in meno di 2 minuti. Si ipotizza anche una grande metropolitana del Nord, un sistema di tubi che vada da Torino a Venezia con fermate intermedie. Per un viaggio Roma-Milano ci vorranno meno di 30 minuti e il costo potrebbe essere del tutto ragionevole, se si considera la comodità del servizio, oscillando tra i 70 e i 140 euro.

(Foto di copertina: Wikipedia)

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter