Campagna vaccinale

All'open hub del Valentino vaccinazioni con Johnson&Johnson agli over60. Dal 3 giugno somministrazioni in azienda

Potranno essere vaccinati tra venerdì 4 e domenica 6 giugno i cittadini di ogni parte del territorio regionale.

All'open hub del Valentino vaccinazioni con Johnson&Johnson agli over60. Dal 3 giugno somministrazioni in azienda
Attualità Torino, 01 Giugno 2021 ore 17:03

Campagna vaccinale in Piemonte: all'open hub del Valentino vaccinazioni con Johnson&Johnson per completare gli over60. Dal 3 giugno al via anche le somministrazioni in azienda.

All'open hub del Valentino vaccinazioni con Johnson&Johnson agli over60

Sulla base delle forniture comunicate dalla struttura commissariale per il mese di giugno il Piemonte avrà a disposizione 70mila dosi di Johnson&Johnson (52.400 in arrivo che si sommano alle 19 mila attualmente disponibili). Una parte di queste sarà destinata alle vaccinazioni fatte dai medici di famiglia, mentre una quota sarà destinata in via eccezionale all’Open hub del Valentino di Torino al fine di completare velocemente la platea degli over 60 di tutto il Piemonte, a cui è riservata in questa prima fase la possibilità di accedere al servizio.

Presso l’hub del Valentino, infatti, potranno essere vaccinati tra venerdì 4 e domenica 6 giugno con una sola dose di J&J i cittadini di ogni parte del territorio regionale che hanno più di 60 anni e non hanno ancora un appuntamento o hanno la convocazione dopo il 13 giugno. È necessario prenotarsi entro mercoledì sulla piattaforma www.IlPiemontetivaccina.it.

Vaccinazioni in azienda

Inizieranno invece il 3 giugno in Piemonte le vaccinazioni nelle aziende del comparto produttivo che hanno aderito all’invito della Regione. Oltre 700, su più di 1200 candidature, le aziende risultate idonee a diventare punti vaccinali.

Le prime a partire saranno le Confindustrie delle province di Alessandria, Asti, Cuneo e Torino, unitamente all’API di Torino e a Confartigianato Cuneo.

Nello stesso giorno via alle vaccinazioni anche per dipendenti e loro familiari di UnipolSai a Torino, Gruppo Zegna a Sandigliano (Biella) e a San Pietro Mosezzo (Novara), Gruppo Merlo a Cervasca (Cuneo) e Amazon a Brandizzo e Torrazza Piemonte (To).

Al via le vaccinazioni per i propri dipendenti anche negli hub di Reale Mutua, Lavazza, BasicNet e della Fondazione Compagnia di San Paolo che da settimane stanno già vaccinando la popolazione generale a supporto del sistema sanitario e adesso, oltre a continuare in questa preziosa attività, potranno anche vaccinare in modo diretto i propri dipendenti.

Sono oltre 100.000 i lavoratori delle aziende coinvolte nella prima fase del progetto. L’obiettivo è somministrare 5.000 vaccini al giorno.

«Desideriamo ringraziare tutte le aziende per aver risposto numerose e per essersi rese disponibili a vaccinare non solo i loro dipendenti – dichiarano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi, insieme agli assessori alle Attività produttive Andrea Tronzano e al Lavoro Elena Chiorino.- Il nostro tessuto produttivo ha compreso che questa azione aiuterà il Piemonte ad alleggerire la pressione sul sistema sanitario e sugli ospedali, restituendo loro al più presto lo spazio necessario per concentrarsi completamente sulla cura dei cittadini.

Con la vaccinazione nelle aziende aggiungiamo un ulteriore tassello nella campagna vaccinale che procede secondo le indicazioni ricevute e che ha già ampiamente superato 2,5 milioni di dosi somministrate. Il mese di giugno è fondamentale per dare un impulso decisivo e mettere in sicurezza la popolazione. Un ringraziamento anche al Commissario dell’area giuridica amministrativa, Antonio Rinaudo, ed alle coordinatrici del progetto Carla Fasson e Paola Rossetto per il loro prezioso lavoro».

Come definito nelle Linee di indirizzo elaborate dalla Regione e pubblicate sul sito, la fornitura dei vaccini e dei dispositivi per la loro somministrazione saranno a cura della Regione tramite le Asl mentre della realizzazione dei punti vaccinali nei luoghi di lavoro e dei relativi oneri si faranno a carico le aziende aderenti.

Verrà inoltre messa a disposizione dal CSI la piattaforma “SIRVA-Light” che consentirà la prenotazione e la gestione del processo vaccinale e dei relativi dati nel rispetto della privacy.

I numeri

Dall’inizio della campagna si è già proceduto all’inoculazione di 2.530.900 dosi (di cui 887.872 come seconde), corrispondenti al 94% di 2.692.810 finora disponibili per il Piemonte.