Borgo San Paolo

Sorpresa! L’appartamento è una “centrale del confezionamento” della droga

Arrestati i due coinquilini, la donna con una gravidanza in stato avanzato se la cava con una denuncia.

Sorpresa! L’appartamento è una “centrale del confezionamento” della droga
Torino, 22 Luglio 2020 ore 16:22

Le indagini sono partite da via Carrù in zona Borgo San Paolo dal controllo su un trentottenne nigeriano visto vendere qualcosa per 30 euro a un cittadino italiano.

Eroina e contanti

Durante la perquisizione dell’acquirente, gli agenti trovano un involucro contenente 7 palline di eroina. Nelle tasche del pusher la somma di 280 €, probabile provento dell’attività di spaccio nella giornata. Gli agenti risalgono al palazzo in cui l’uomo vive e individuano il suo alloggio. Dall’interno provengono dei rumori e i poliziotti decidono di accedere immediatamente.

I coinquilini

Nell’alloggio vivono altre tre persone, connazionali dell’arrestato. Una è la moglie, gli altri sono due cittadini nigeriani di 42 e 46 anni. L’appartamento è una vera e propria centrale del confezionamento (verranno rinvenute  oltre 110 dosi di eroina già confezionate, 3 frullatori e sostanza da taglio, oltre 4000 € in contanti), i due uomini presenti in casa vengono arrestati per detenzione ai fini di spaccio. La donna, visto il suo avanzato stato di gravidanza, è stata denunciata a piede libero per lo stesso reato.

Leggi anche: Spaccio e violenza: Santa Giulia ancora nell’occhio del ciclone

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità